Conosci i tuoi polli?

I polli italiani contengono antibiotici. Questo il risultato delle analisi di laboratorio commissionate da Lav e da Il Salvagente.

Secondo analisi di laboratorio commissionate dalla Lav (Lega Anti Vivisezione) e dal settimanale di consumerismo Il Salvagente, gran parte dei polli italiani in vendita nei supermercati sono? all?antibiotico. Gli antibiotici vengono somministrati ai polli per evitare che il sovraffollamento, la scarsa igiene, le cattive condizioni di crescita negli allevamenti provochino la diffusione di malattie. Ma l?uso massiccio di antibiotici, oltre che pericoloso per la salute umana, determina lo sviluppo di batteri resistenti e quindi di malattie sempre più aggressive, anche per l?uomo.

l risultati della ricerca sono presentati all?interno dell?iniziativa ?Conosci i tuoi polli?? sabato 15 e domenica 16 ottobre, in oltre 300 piazze italiane. Durante la presentazione, sarà anche possibile firmare la petizione Lav per chiedere che la proposta di Direttiva UE preveda migliori condizioni di crescita per i polli da carne, come ad esempio la riduzione della densità negli allevamenti; il divieto di esposizione forzata alla luce artificiale; l?etichettatura obbligatoria sul sistema di produzione; la riconversione degli allevamenti al chiuso in impianti all?aperto. Tutte condizioni che una volta attuate renderebbero superfluo l?utilizzo di antibiotici.

Paola Magni

ExpoNet, il magazine ufficiale di Expo Milano 2015 racconta la complessità di persone, professioni, tecnologie, vite e destini nascosti dietro al cibo che troviamo ogni giorno in tavola. Partecipa, leggi di più su magazine.expo2015.org

Referenze

Per informazioni sulle piazze che accolgono l?iniziativa: www.infolav.org  oppure 064461325.

Altre notizie

Il grano del futuro avrà i geni dei semi antichi

Le 10 ricette del 2014 che vi sono piaciute di più

10 consigli che hanno cambiato il nostro 2014

Altri temi in questo articolo

Altri temi in questa categoria

Newsletter

Se questi temi sono di tuo interesse, se vuoi rimanere in contatto e ricevere tutti gli aggiornamenti sul mondo LifeGate, iscriviti alla newsletter settimanale. Iscriviti ora!

Commenti