La cottura a vapore

Uno dei sistemi più utilizzati per mantenere le proprietà del cibo è la cottura a vapore, ideale per gli ortaggi carnosi come broccoli, carote, cavolini, patate, zucchine, zucca, finocchi e barbabietole.

Tipica della cucina cinese, la cottura a vapore permette di cuocere rapidamente molti cibi, in particolare ortaggi, pesce e pollo. Può essere fatta sia in pentole comuni che nella pentola a pressione, munendosi dell’apposito cestello di acciaio o del classico cestello cinese in bambù. Rispetto alla lessatura in acqua, questo sistema di cottura riduce la perdita di vitamine e sali minerali, oltre che di gusto.

 

verdura_vapore

foto © www.optislim.com.au

 

Alcuni alimenti come il pollo e il pesce, con il vapore perdono buona parte delle sostanze grasse, che durante la cottura si sciolgono e cadono nell’acqua sottostante il cestello. In questo modo si riduce notevolmente il contenuto di grassi, e quindi l’apporto calorico dei cibi. Ecco perché questo sistema di cottura è molto usato nelle diete ipocaloriche e per tenere sotto controllo il colesterolo.

La cottura a vapore è molto adatta per gli ortaggi carnosi come cavolfiore, broccoli, carote, patate, zucchine, zucca, finocchi, barbabietole e così via. Per le verdure a foglia come spinaci o erbette invece è preferibile la stufatura, che permette una perdita di nutrienti ancora minore.

Il cestello deve essere sempre sollevato rispetto al livello dell’acqua; il coperchio deve essere della misura giusta per una chiusura perfetta. I tempi di cottura si calcolano dalla piena ebollizione (in pentola comune) o dal fischio (in pentola a pressione). Ecco i tempi di cottura medi per cuocere a vapore alcune tra le verdure più comuni: patate intere di medie dimensioni, con la buccia: 20 minuti in pentola comune, 10 minuti in pentola a pressione. Carote tagliate a bastoncini o a rondelle spesse: 4 minuti in pentola comune, 1/2 minuto in pentola a pressione; broccoli o cavolfiore, divisi a cimette: 6 minuti in pentola comune, 1 minuto in pentola a pressione.

L’acqua della cottura a vapore delle verdure, ricca di sali minerali, può essere riutilizzata per zuppe, minestre, impasti …o per concimare piante e fiori.

Francesca Marotta

Altre notizie

Involtini di zucchine con crema al farro

Pasticceria naturale, dolce fantasia

La spesa di agosto

Newsletter

Se questi temi sono di tuo interesse, se vuoi rimanere in contatto e ricevere tutti gli aggiornamenti sul mondo LifeGate, iscriviti alla newsletter settimanale. Iscriviti ora!

Commenti