presentato da Aboca

Sciroppo d’acero: depurativo naturale

Dolcificante naturale e ottima fonte di tre elementi essenziali e conosciuto anche come "vitamina del morale", è lo sciroppo d'acero!

Lo sciroppo d’acero si presenta sotto forma di un liquido zuccherino ottenuto bollendo la linfa dell’acero da zucchero (Acer saccharum) raccolta all’inizio della primavera in Canada e in alcune zone del New England, in particolare nel Vermont. La linfa è costituita in gran parte da saccarosio, acido malico, potassio, calcio, ferro, vitamine e componenti fenoliche; in origine veniva trattata in modo da ottenerne cristalli che fungevano da surrogato dello zucchero di canna, solo in seguito si scoprì la possibilità di ricavarne uno sciroppo ricco di potassio e sali minerali.

Viene utilizzato come alimento nei paesi freddi per le elevate calorie e proprietà nutrizionali, mentre nell’Europa continentale è famoso per le sue proprietà depurative.

Il sapore delicato, simile al miele d’acacia, lo rende particolarmente gradevole come dolcificante naturale disciolto nelle bevande o nella preparazione di dolci, il vantaggio è che apporta una quantità di calorie ridotta (circa 250 calorie per 100g) rispetto ad altri dolcificanti naturali come miele e malto. Per queste ragioni è consigliato ai diabetici e in alcuni regimi dietetici.

Lo sciroppo d’acero ha grandi poteri emollienti, rinfrescanti ed energizzanti, è utile in tutti i casi di gastrite, di costipazione intestinale, di colite spastica.

Grazie al suo alto potere energetico e depurativo può essere utile per una cura disintossicante. Per un giorno provate a bere (senza toccare altro cibo) due litri di acqua dove siano stati sciolti quattro cucchiai di sciroppo di acero. In questo modo è possibile assumere tutti i principi attivi della linfa di acero utili per la disintossicazione e la depurazione dell’organismo così, a fine della giornata, la sensazione sarà quella di pulizia e di “sgonfiamento”.

Come ricostituente lo si può assumere puro o versato sugli alimenti, come se fosse del miele.

Al momento dell’acquisto è bene verificare l’assenza di additivi e di trattamenti.

Nessuna controindicazione.

Sonia Tarantola

Altre notizie

Se abiti con un fumatore è come se vivessi a Pechino

Sonno: otto ore sono troppe

Prevenire “Prima” è meglio che curare: una linea di test per l’auto-controllo

Iscriviti subito alla newsletter settimanale!

Commenti