1992- Il quinto piano d’azione ambientale 1993/1999 dell’UE

“Per uno sviluppo durevole e sostenibile”. Il Quinto Piano d’Azione ha assunto integralmente i principi dello sviluppo sostenibile. Il periodo di vigenza di questo programma è andato dal 1993 al 2000.

Cos’è il quinto piano d’azione

Il quinto piano d’azione (“Per uno sviluppo durevole e sostenibile – Programma politico e d’azione della Comunità Europea a favore dell’ambiente e di uno sviluppo sostenibile”), predisposto nel marzo 1992 parallelamente ai lavori preparatori della Conferenza di Rio de Janeiro e approvato all’inizio del 1993, ha assunto integralmente i princìpi dello sviluppo sostenibile ed ha costituito lo strumento di attuazione in ambito comunitario – quindi vincolante per tutti gli Stati membri – dell’Agenda 21. Il periodo di vigenza di questo programma è andato dal 1993 al 2000.

Eccone un estratto:

“… è necessario un cambiamento radicale in tutti i settori di intervento della comunità. Esso presuppone che la tutela dell’ambiente venga integrata nella definizione e nell’attuazione delle altre politiche comunitarie, non solo per il bene dell’ambiente, ma per il bene e il progresso degli altri settori.”

Settori d’intervento: l’industria manifatturiera

“… incoraggiare diverse forme di accordi su base volontaria e di autocontrollo.”

Settori d’intervento: l’energia

“Un miglioramento globale dei consumi energetici e dell’ambiente non è pensabile senza un miglioramento nei paesi in via di sviluppo e nell’Europa centrale e orientale.”

Settori d’intervento: i trasporti

“… migliorare la posizione competitiva dei modi di trasporto più ecologici, ferrovie, navigazione interna e marittima e trasporti combinati.”

Settori d’intervento:  l’agricoltura

“… la ricerca di un equilibrio sostenibile tra attività agricola e risorse naturali… è auspicabile da un punto di vista ambientale e agricolo-economico.”

Settori d’intervento: il turismo

“… se il turismo è pianificato e controllato adeguatamente, può senz’altro favorire lo sviluppo regionale e la protezione dell’ambiente.”

Articoli correlati