A cavallo nel tempo

Il libro,A cavallo nel tempo frutto di quattro anni di ricerche e di raccolta di materiali, si articola in una parabola temporale, divisa in cinque capitoli


Ascolta l’intervista all’autore

Che animale elegante, il cavallo! Bello, altero. Orgoglioso nella
sua corporatura. Agile. Lo immaginiamo mentre corre, vediamo la sua
criniera muoversi, quasi accarezzando l’aria. Ma chi è
questo animale? Ha ispirato opere d’arte, film… e in questo
caso, un viaggio nel tempo!

 

Questo libro ripercorre infatti la storia del cavallo
intrecciandola con la storia dell’uomo: nei trasporti, nelle
guerre, in agricoltura, a partire dalla preistoria gli zoccoli del
cavallo si sono mossi accanto ai passi dell’uomo. Per percorrere
insieme molta strada.

 

Le pagine sono corredate da più di 500 disegni
originali realizzati da Paolo Ghirardi, illustratore e vignettista,
ma soprattutto grande appassionato di cavalli. Leggendo, guardando
e sfogliando, si comprende che sono
tanti gli ambiti in cui questo animale, dai tempi antichi ad oggi,
ha vissuto nella storia dell’uomo, fino ad arrivare negli scenari
più moderni ad essere usato anche in ambito clinico con
l’ippoterapia, una disciplina che per altro già Ippocrate
nel V secolo a.C. consigliava per i suoi effetti benefici.

 

Il libro, frutto di quattro anni di ricerche e di raccolta di
materiali, si articola in una parabola temporale, divisa in cinque
capitoli, che iniziando dalla preistoria giunge fino ad oggi.
Un’interessante appendice infine indica al lettore glossario,
bibliografia, filmografia e musei di riferimento per approfondire
la conoscenza di questo animale.

 

Un libro per tutti. Per gli appassionati di cavalli, ma anche
per i più profani, per conoscere, capire, capirsi e
appassionarsi. Per capire come questo animale è stato un
compagno fedele e utile all’uomo. Un viaggio storico, ma anche
un’interessante lettura.

Articoli correlati
La nuova conquista delle terre alte

Le terre alte sono da sempre una meta molto ambita per gli amanti della montagna. Il turismo sempre più accessibile le sta però mettendo in pericolo.