A Ginevra il pi

Il progetto, che vedrà la sua conclusione entro la fine dell’anno, prevede la copertura con pannelli fotovoltaici dell’80% del tetto del Palaexpo di Ginevra, sede di uno dei Saloni dell’Auto…

Il progetto, che vedrà la sua conclusione
entro la fine dell’anno, prevede la copertura con pannelli
fotovoltaici dell’80% del tetto del Palaexpo di
Ginevra
, sede di uno dei
Saloni dell’Auto più famosi al mondo
.
Questo nuovo impianto conterà circa 15.000 pannelli che
copriranno una superficie pari a 30.000 metri quadrati, per una
potenza totale stimata di 4,2 Mwp.

L’energia necessaria a coprire il consumo di
elettricità di 1.200 famiglie
. Il progetto è
frutto di una collaborazione tra
Derbigum Energies,
SIG e Palexpo con un unico
obiettivo: aumentare la produzione di energia rinnovabile a
Ginevra.

Ricca in corsi e specchi d’acqua, le Federazione d’Oltralpe
copre il fabbisogno energetico sopratutto con
l’idrolelettrico (55%). Mentre il 40% viene
fornito dall’energia nucleare.

Nel 2010 ha comunque conosciuto il boom
del fotovoltaico
, con un incremento del 139% rispetto al
2008. Secondo Swisssolar
(Associazione dei professionisti dell’energia solare):
Globalmente, in Svizzera ad inizio anno erano in
funzione impianti per 71.000 kW, che producono annualmente circa
50
milioni di kilowattora
. Per dare un’idea,
l’equivalente del consumo annuo di 300.000 frigoriferi”.

In pratica i dati forniti dall’Agenzia per l’Energia Elettrica
parlano di una copertura dello 0,78% dell’intera
produzione
nazionale di elettricità data dal
fotovoltaico. Dati ancora bassi, che nulla hanno a che vedere con
quelli tedeschi o italiani.

Fuor di dubbio che questo impianto aiuterà
la Federazione Svizzera a raggiungere gli ambiziosi
obiettivi europei
del 20-20-20. Nel 2010 infatti
le
emissioni di CO2 sono state ridotte
del 12,9% rispetto
al valore del 1990, quando l’obiettivo per il periodo 2008-2012
è pari al 15 %.

Articoli correlati