A Roma… la Thailandia in festival

Per tutta la durata della manifestazione nell’area pedonale dell’Auditorium potremo rilassarci nella “Thai Spa”.

Da sabato 28 maggio a giovedì 2 giugno il complesso
progettato da Renzo Piano, il Parco della Musica di Roma,
sarà la suggestiva cornice della prima rassegna europea
“Thai Festival”, una sei giorni di programmazione che ci
permetterà di conoscere meglio la cultura di questo lontano
paese. Sarà possibile, inoltre, contribuire alla raccolta
fondi per la ricostruzione delle zone colpite
dallo tsunami
acquistando un biglietto a
sottoscrizione per il concerto di apertura del festival, sabato 28
maggio alle 21.30.

In un cartellone ricco di eventi, grande spazio sarà
riservato alle arti sceniche, dalle danze tradizionali al teatro
d’ombre (Nang Yai). In particolare, domenica 29 alle 21 si
terrà una rappresentazione di Khon, una forma teatrale che
unisce danza e recitazione in origine riservata alla corte reale
che porta in scena antiche leggende siamesi. Ancora nella giornata
di domenica e lunedì 30 si svolgeranno degli spettacoli di
marionette giganti, una genere teatrale derivato dal Khon che vede
protagonisti sul palco pupazzi manovrati da tre mastri burattinai
contemporaneamente. E la cavea e il foyer dell’Auditorium
ospiteranno anche esibizioni di danza folcloriche regionali, con
caratteristiche diverse a seconda della zona della Thailandia di
provenienza.

Durante il festival si potrà conoscere anche l’arte del
Muhay Thai, antica
arte marziale
nota anche come thai-boxe, sia con
match-show che con lezioni aperte sia ad adulti che a bambini.
Un’importante sezione sarà riservata al cinema thailandese,
con la proiezione di “Tropical Malady” di Apichatrong Weerasethakul
(lunedì 30 alle 11 e alle 17), “The Legend of Suriyothai”
(domenica 29 alle 12 e alle 18) e “Sia Dai – Daughter” di
Chatrichalem Yukol (sempre lunedì alle 14). Da segnalare che
domenica 29 sarà proiettato, con la presenza in sale del
regista e dell’attore protagonista, il film “Beautiful Boxer” di
Ekachai Uekrongtham (alle 15 e alle 21), storia vera della
transessuale Parinya Chroemphol, modella e attrice televisiva
divenuta celebre nel suo paese come star della Thai Boxe.

Una buona occasione anche per conoscere l’arte contemporanea
thailandese, con un’offerta che va dalla pittura ai video, dalle
mostre fotografiche all’interattività fino alle
installazioni floreali e all’esposizione dei gioielli della Regina
Sirikit di Thailandia.

Per tutta la durata della manifestazione nell’area pedonale
dell’Auditorium potremo rilassarci nella “Thai Spa”, sperimentando
l’arte
tramandata nei secoli dei massaggi
del Tempio di Wat
Po, oppure gustare le prelibatezze preparate nel “Thai Pavillion”,
ristorante tipico a cura della scuola Dusit Thani di Bangkok.

Olimpia Ellero

 

Articoli correlati
L’evoluzione a fumetto

Tutto evolve. Muta. Cambia nel corso del tempo. Dalle specie animali e vegetali alle nostre conoscenze, da un singolo festival al concetto di “cosa sia” arte a quello di “cosa sia” letteratura. Il Festival Internazionale del Fumetto, del Gioco e dell’Illustrazione parla proprio di questo.

MITO Settembre Musica 2009

Parole d’ordine: diffondere cultura. Cultura della musica d’arte, musica di altissima qualità e di tutti i generi, dal pop al rock, dalla musica classica al jazz, all’avanguardia.

Detto… fatto! Ecco cos’è la responsabilità sociale

Quante sono, in Italia, le aziende che hanno deciso di adottare un comportamento etico, responsabile dal punto di vista sociale ed ambientale, pur senza rinunciare a un giuso profitto? Le incontriamo al salone “Dal dire al fare” sulla Responsabilità Sociale.

MoTechEco 2008

Saranno quattro giorni densi di incontri, convegni, mostre. Gli stand presenteranno tutte le soluzioni per muoversi “pulito”.