A scuola da Bjork

Il lungo tour di Biophilia sbarca a New York: concerti ma anche i workshop educativi per ragazzi concepiti da Bjork.

Abbiamo parlato di Biophilia, l’ultimo album di
Bjork, qualche mese prima della sua
uscita (il disco è uscito il 10 ottobre scorso), e in
quell’occasione abbiamo già sottolineato come si tratti di
un progetto a tutto tondo, che invade il campo di varie arti e
discipline, e di come la stessa artista abbia percepito il lungo
tour di presentazione come un vera e propria installazione
concettuale semipermanente.

Iniziato a Manchester a giugno, il tour “live-residency”
proseguirà nel corso dei prossimi tre anni, e
toccherà otto città scelte in tutto il mondo. Lo
spettacolo rimarrà in ogni città per un periodo di
sei settimane, con due performance a settimana. Secondo la stessa
Bjork le performance saranno una “meditazione sulla relazione fra
musica, natura e tecnologia”, così come d’altronde lo
è l’intera carriera dell’artista, e comprenderanno musica
dal vivo ed elementi multimediali.

Ora, nei mesi di febbraio e marzo, l’artista islandese
porterà il suo Biophilia a New York, alla
New York Hall of Science dal 3 al 18
febbraio e alla Roseland Ballroom di Manhattan
dal 22 febbraio al 2 marzo. Ma non finisce certo qui, e d’altronde
Bjork a questo ci ha sempre abituati. Infatti, la cantante
porterà a New York anche il suo Biophilia
Educational Program
.

Costituito da una serie di incontri dedicati a ragazzi dai 10 ai 12
anni desiderosi di apprendere le scienze attraverso la musica (o
viceversa?), i workshop contemplano molte affascinanti
attività, come suonare con gli strumenti ideati
personalmente dalla cantante (che sono poi anche quelli che lei
stessa utilizza dal vivo), estrarre DNA da una cipolla e osservare
la suddivisione della cellula su di uno schermo televisivo. In
Islanda, dove si è già svolta in autunno,
l’iniziativa ha avuto un così grande successo che la
Reykjavik City Board of Education ha deciso di
estenderla a tutte le scuole cittadine nei prossimi tre anni.
Perché i bambini di oggi sono gli adulti di domani e la
musica è e può fare cultura, e Bjork pare saperlo
molto bene.

Ecco il
video
che mostra dettagliatamente che cosa avviene
durante i workshop.

Articoli correlati