Omeopatia

Affrontare e superare la depressione post-parto

Le alterazioni dell’umore che seguono il lieto evento riguardano circa il settanta% delle neomamme che manifestano a pochi giorni dal parto depressione

Questo disturbo ha senz’altro un’eziologia biologica, dovuta
cioè allo sbalzo ormonale che accompagna il parto, ma vanta
anche un’eziologia psicosociale, in quanto nelle società
industrializzate si sono persi quei costumi e quei riti che
accompagnavano un tempo la puerpera, facendola sentire protetta ed
appoggiata.

Va comunque precisato che esistono due livelli di disagio
psicologico: il primo, detto “baby blues”, insorge due o tre giorni
dopo il parto, non opprime tutta la giornata e tende a migliorare
nell’arco di quindici giorni.

Ben diverso è il secondo livello di disagio, quando il baby
blues si trasforma nella vera e propria “depressione post-parto”,
colpendo circa il 10 per cento delle donne che manifestano i
sintomi di cui sopra in maniera accentuata e persistente.
A rendere più temibile tale patologia c’è il timore
che, sulla base di un recente studio pubblicato sullo Psychological
Science, la mamma depressa possa condizionare l’apprendimento del
bambino, in quanto meno incline a quella stimolazione verbale e
gestuale, ritenuta fondamentale per la salute del neonato.

Ecco quindi alcuni suggerimenti e cure naturali per prevenire ed
alleviare il “baby blues”, in modo da scongiurare le ben più
gravi complicazioni.

  • Delegare, riposarsi, farsi aiutare, in altre parole non cadere
    nella sindrome della mamma perfetta, quella che ha tutto sotto
    controllo e non sbaglia mai.
  • Oligoterapia: assumere rame-oro-argento, complesso regolatore
    che facilita la ripresa generale.
  • Aromaterapia: diffondere nell’ambiente olio essenziale di rosa,
    adatto a combattere la tensione femminile e lo stress legato ai
    rapporti affettivi.
  • Floriterapia: utilizzare Red Chestnut per le preoccupazioni
    eccessive legate al neonato, Mustard per la malinconia oscura,
    Lurch per l’insicurezza.
  • Omeopatia: assumere Sepia 9 CH , 3 granuli due volte al
    dì, quando la vita appare priva di gioia.
  • Massaggiare il proprio bambino in quanto, come dimostrato in un
    recente studio condotto presso un’ospedale londinese, tale pratica
    aiuta la mamma depressa ad instaurare un buon rapporto con il
    proprio bambino.

Anna Paioncini

Articoli correlati
Effetto placebo, l’omeopatia applicata alle piante lo smentisce

Ricerche in laboratorio hanno dimostrato che i vegetali, immuni dall’effetto placebo, se trattati con medicinali omeopatici reagiscono diventando più resistenti e più ricchi di sostanze nutraceutiche. Ce ne parla Lucietta Betti, già ricercatore confermato e docente di patologia vegetale e micologia.