Al via la class action per riprenderci i soldi sottratti alle energie rinnovabili

Lanciata la vertenza collettiva per farci recuperare il prelievo Cip6 dalle nostre bollette. Si tratta di una componente del 7% della bolletta della luce che, dal 1992,

Nel 1992 al decreto di finanziamento delle fonti rinnovabili
è stata aggiunta una parolina, “e alle assimilate”. Con un
artificio tutto italiano (e più volte rimproveratoci
dall’Europa), per “fonti rinnovabili e assimilate” da noi
s’è quindi voluto comprendere anche i rifiuti urbani e
residui di raffineria. Fonti “assimilate”…

In forza di questa solo parolina da quel momento i distributori
di rifiuti solidi urbani, che ci impacchettavano dentro anche un
po’ di residui di raffineria o di forni di cementerie, hanno potuto
beneficiare del 7% di ogni nostra bolletta della luce, distolto
dalle vere fonti rinnovabili. Quanti soldi sono stati così
dragati?

All’incirca 4 miliardi di euro all’anno.

Soldi che ogni anno, dal 1992, sono stati sottratti allo
sviluppo di impianti a energia solare, eolica e geotermica, verso
raffinerie e inceneritori e introitati dalle aziende petrolifere e
dalle cementerie.

Anche per questo l’Italia, il paese del sole, colmo di colline
ventose e litorali marini, è così in ritardo sul
solare e sull’eolico rispetto a tutta Europa.

Per questo l’Europa ci ha già comminato una sanzione.

Per questo si sono ammassati rifiuti in Campania (anche le
“eco-balle”, contenenti ogni sorta di rifiuto urbano, potevano
essere incenerite “assimilandole” alle fonti rinnovabili ricevendo
così i contributi CIP6).

La norma è stata eliminata solo dalla Finanziaria 2008,
ma a ogni livello, dagli uffici tecnici del ministero dello
Sviluppo al Parlamento, si registrano continue pressioni per
reintrodurre misure simili.

Chiediamo indietro i nostri soldi.

Con la causa collettiva, ogni firmatario può inoltrare
richiesta formale di rimborso al Gestore dei Servizi Elettrici:
www.dirittoalfuturo.it

Hanno detto dei CIP6.

“L’emergenza rifiuti è collegata al decreto CIP6”
Sen. Tommaso Sodano, RC, Presidente della
Commissione Territorio, Ambiente e Beni Ambientali

“Truffa legalizzata”
On. Bruno Tabacci, UDC, già presidente
della commissione Attività Produttive della Camera dei
Deputati

“Dobbiamo mettere la parola fine all’aggiramento delle norme
comunitarie e della truffa ai danni delle fonti rinnovabili”
On. Alfonso Pecoraro Scanio, già ministro
dell’Ambiente

Articoli correlati
Conto termico: stanziati gli incentivi

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che stanzia i circa 900 milioni di euro l’anno per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici esistenti, attraverso un sistema di incentivi…

Il fotovoltaico diventa solidale

Conergy, azienda tedesca con sede anche nel nostro Paese, ha realizzato un nuovo impianto fotovoltaico per la Yaowawit School and Lodge, la casa di accoglienza e di formazione gestita dall’organizzazione…

La Bp pagher

La Bp ha ammesso le sue colpe e ha deciso di mettere la parola fine ai negoziati con i delegati dell’amministrazione Obama. La società britannica si è dichiarata colpevole dell’intero…

Il sole in Val di Non produce elettricit

Un impianto da 511,20 kWp di potenza in grado di produrre più di 500 MW all’anno, arrivando a coprire più del 34% del fabbisogno energetico dello stabilimento di produzione della…