Alimentazione di giovinezza

Un’alimentazione ricca di alimenti antiossidanti e alcune sane abitudini possono aiutare a proteggere l’organismo dai danni dei radicali liberi.

I radicali liberi sono sostanze fortemente reattive che, con un
effetto di ossidazione (reazione in cui interviene l’ossigeno)
possono danneggiare le funzioni cellulari e accelerare i processi
di invecchiamento. I radicali liberi si formano naturalmente come
prodotto dei processi metabolici, ma possono essere prodotti in
quantità pericolose quando l’organismo è sottoposto a
stress di diversa natura.

Un’alimentazione squilibrata o anche solo troppo abbondante
può favorire l’aumento dei radicali liberi, ma esistono
anche altri fattori “scatenanti” come ad esempio il fumo (vera
“fabbrica” di queste pericolose sostanze) l’eccessiva esposizione
al sole, lo smog, il contatto con sostanze nocive, la mancanza di
esercizio fisico, il superlavoro, gli stress emotivi, la mancanza
di riposo.

L’accumulo di radicali liberi può essere un fattore di
rischio nell’accusare disturbi di varia natura tra cui infezioni,
infiammazioni, malattie degenerative e cardiovascolari. I danni a
carico dei tessuti possono interessare anche la pelle, influendo
anche sull’aspetto esteriore; ad esempio l’accumulo di radicali
liberi provocato da un’eccessiva esposizione al sole favorisce
l’invecchiamento cutaneo, come testimonia il fitto intrico di rughe
tipico dei fanatici della “tintarella”.

Per combattere i radicali liberi è importante
un’alimentazione ricca di sostanze antiossidanti, capaci
cioè di proteggere l’organismo dai processi di ossidazione
che danneggiano i tessuti. Moltissimi alimenti abbondano di
antiossidanti; tra le categorie di cibi più ricche di queste
sostanze protettive spiccano la frutta, la verdura e i semi oleosi
come noci, nocciole, mandorle, pistacchi, semi di sesamo e di
girasole.

Le famose “cinque porzioni al giorno” di frutta e verdura fresche,
consigliate dagli esperti della nutrizione, possono aiutare nella
lotta all’invecchiamento; ma alcuni frutti e ortaggi sono
particolarmente utili per la grande ricchezza di antiossidanti. Tra
questi (in ordine alfabetico): aglio, arancia, avocado, broccoli,
carota, cavoli (cappuccio, verza, cavolfiore, cavolini di
bruxelles…), cipolla, mirtilli, pomodoro, spinaci, uva.

Tra le altre abitudini utili a combattere i radicali liberi
possiamo citare: non fumare; dormire e riposare il più
possibile; moderare il consumo di alcolici, di caffè, di
alimenti malsani e in generale di calorie; fare ginnastica senza
esagerare (durante gli sforzi fisici eccessivi i radicali liberi
aumentano); fare qualche puntatina fuori città per respirare
aria “buona”; cercare di arrabbiarsi il meno possibile;
accontentarsi di una tintarella moderata, ovvero quanto basta a
diventare più sexy, senza trasformarsi in un pezzo di cuoio
vecchio.

Francesca Marotta

Articoli correlati