Allergie e fitoterapia cinese

Recenti osservazioni cliniche hanno richiamato l’interesse di diversi settori specialistici sull’impiego di fitoterapia in caso di patologia allergica

Fitoterapia che cura le allergie. Per quanto concerne la rinite allergica, uno dei fitoterapici di
maggior interesse è sicuramente la Centipeda minima,
un’erba appartenente alla famiglia delle Composite, largamente
utilizzata nella Medicina Tradizionale Cinese.

Nel 1996, presso il Centro Allergologico dell’Ospedale San
Salvatore de L’Aquila, si è condotta una sperimentazione su
20 pazienti di entrambi i sessi, affetti da oculo-rinite allergica,
con sensibilità documentata a graminacee ed urticacee,
utilizzando un estratto secco di Centipeda.

La sperimentazione è stata condotta nei mesi di aprile,
maggio e giugno, testando i risultati clinici (prurito-starnuti,
scolo nasale, naso chiuso, alterazione dell’olfatto, lacrimazione,
dolore oculare), gli esami strumentali e la necessità di
fare ricorso agli usuali farmaci occidentali.

I risultati clinici dello studio sono sintetizzati nella tabella
che segue (gruppo A = trattato con estratto secco di Centipeda,
gruppo B = non trattato)

 

Tab. 1: SCORES CLINICI Gli scores derivano dalla somma dei sintomi
prurito-starnuti, rinorrea, naso chiuso, alterazione dell’olfatto,
fotofobia, lacrimazione, dolore oculare con valori 0 (assente); 1
(lieve); 2 (medio); 3 (grave).

La necessità di ricorrere alle terapie topiche occidentali
si è ridotta nel gruppo trattato di oltre il cinquanta per
cento, così come gli indici infiammatori rilevati con gli
esami ematochimici.

I risultati della sperimentazione, illustrati al Convegno di
Aggiornamento della Società Italiana di Allergologia ed
Immunologia Clinica, hanno permesso di concludere che l’estratto
secco di Centipeda è un principio dotato di incisiva azione
antiallergica in sede oculonasale, che non induce sonnolenza,
maneggevole e privo di tossicità. A differenza di altri
trattamenti erboristici precedentemente testati nel medesimo
ospedale, non necessita di pretrattamento rispetto alla stagione
pollinica ed alla insorgenza dei sintomi.

Roberto Gatto

Articoli correlati