Arancini di riso con ragù di seitan

Gustosi e stuzzicanti, non hanno nulla da invidiare agli arancini “classici” fatti con il ragù di carne, e contengono molta più fibra. Perfetti per la pausa pranzo al lavoro o per una merenda all’aperto.

 

3 PIANETI

 

Ingredienti per circa 16 arancini

Per il riso

300 g di riso semintegrale

1 noce di burro

3 cucchiai di parmigiano o pecorino grattugiato

1 uovo

pepe nero

 

Per il ragù

200 g di seitan

10 g di funghi secchi

2 cucchiai di olio extra vergine di oliva

1 cipolla piccola

3 cucchiai di vino rosso

1 foglia di alloro

1 cucchiaio di concentrato di pomodoro

1 cucchiaino scarso di estratto di lievito o estratto concentrato di verdure

In più:

100 g di scamorza

2 uova

pangrattato

olio di arachide per friggere

sale q.b.

 

funghi-tritati

 

Preparazione

Cuocere il riso come spiegato nella ricetta “cottura del riso integrale”, facendolo cuocere un po’ di più e controllando che risulti ben asciutto. Lasciar intiepidire e condire il riso con l’uovo sbattuto, il parmigiano, il burro, sale e pepe. La miscela deve risultare piuttosto consistente; se fosse troppo molle, legarla con un po’ di pangrattato. Far rinvenire i funghi in acqua calda per circa mezz’ora. Rosolare leggermente la cipolla tritata insieme all’olio e alla foglia di alloro, aggiungere il vino e lasciar evaporare a fuoco vivo. Aggiungere i funghi strizzati e tritati e il seitan tritato (si può tritare nel mixer); far rosolare per qualche istante, quindi diluire il concentrato di pomodoro con l’acqua di ammollo dei funghi (facendo attenzione che non vi sia terra) e aggiungerlo al seitan; aggiungere anche l’estratto di lievito. Togliere la foglia di alloro e far cuocere scoperto fino a ottenere una salsa densa, quindi regolare di sale.

 

Prendere una cucchiaiata abbondante di riso, formare una palla, scavare con le dita una cavità e mettervi un po’ del ragù e un cubetto di scamorza; richiudere la palla, compattarla bene e passarla nelle uova sbattute e poi nel pangrattato. Formare nello stesso modo gli altri arancini suddividendo equamente il ragù e la scamorza. Friggere gli arancini pochi per volta in abbondante olio bollente, avendo cura che “nuotino” a loro agio nell’olio. Asciugare su carta da cucina.

 

Varianti

La scamorza si può sostituire con provolone piccante o con caciotta di pecora.

 

 

Articoli correlati