Ayurveda – La scienza della pienezza della vita

Ernesto Iannaccone ci conduce alla scoperta delle origini medicina ayurvedica. L’Ayurveda ricorda all’uomo che il fine ultimo della vita è la vera libertà dalla dipendenza dal mondo esterno.

L’autore, che opera da anni nel campo della medicina ayurvedica,
presenta un’antologia da due grandi trattati ayurvedici
dell’antichità, la Charaka Samhita e l’Ashtanga Hridaya.
Queste due opere racchiudono l’essenza della dottrina ayurvedica e
costituiscono, oggi come in passato, il punto di riferimento
indispensabile per quanti intraprendono lo studio dell’Ayurveda per
fini professionali o per cultura personale. I testi classici
dell’Ayurveda, alcuni dei quali risalgono ad oltre duemila anni fa,
contengono un sapere esteso e variegato, che spazia dalla medicina
alla filosofia, dalla psicologia alla spiritualità. L’autore
non cerca di interpretare o di filtrare questo sapere, ma lascia
piuttosto che esso emerga in tutta la sua interezza ed
originalità. Le numerose note di commento presenti nel testo
si rifanno alle recensioni antiche che nel corso dei secoli hanno
accompagnato la lettura e lo studio delle opere originali.
Il libro é un viaggio emozionante alle sorgenti della
medicina ayurvedica, attraverso un percorso di studio che esercita
un grande potere di cambiamento su colui che l’intraprende. Il
risultato finale della lettura è un arricchimento della
propria consapevolezza ed un allargamento dei propri orizzonti
culturali nelle aree della medicina e della salute.

Articoli correlati
Le carte dei Nat, gli spiriti della Natura

I Nat sono spiriti di natura, potenti aspetti selvaggi della psiche umana, essi rappresentano le forze dell’Io istintuale che, se sapientemente cavalcate, possono portarci alla conquista dei nostri obiettivi. Vengono associati agli antenati e utilizzati per interrogare la memoria della stirpe.

La lettura come tesoro interiore

Marcel Proust sulla lettura dice cose superbe, là ove afferma che essa “… è una forma di amicizia, la più sincera, perché con i libri non ci sono convenevoli.