Ayurveda: un sapere antico

L’ayurveda fonda il suo metodo di cura su principi tratti dalla filosofia indiana. Descrive la natura stessa della vita cercando la chiave della salute nella sintonia tra i vari elementi che collegano l’uomo al suo ambiente.

Prima ancora di essere una pratica medica come normalmente la
intendiamo in occidente, l’ayurveda è un complesso, ma non
complicato, insieme di norme che regolano la condotta di vita e
quindi anche la salute. Un sapere così ben strutturato da
coinvolgere moltissimi aspetti della relazione dell’uomo con il
proprio corpo e con l’ambiente che lo circonda.

In occidente sono noti anche il massaggio ayurvedico e la cucina
ayurvedica, tanto per fare un esempio, i quali andrebbero intesi
principalmente come vere e proprie abitudini di vita, più
che tecniche o pratiche terapeutiche. Nel corso della sua storia
millenaria sono stati elaborati così tanti principi e metodi
di cura che alcuni sono stati persino a lungo dimenticati. Se sono
giunti fino a noi, è solo grazie a gruppi di persone e
famiglie, che in alcune regioni dell’India, patria dell’ayurveda,
hanno tramandato tradizioni poi riconosciute dagli esperti,
interpretate e recuperate al più ampio patrimonio di
conoscenza.

L’uomo viene considerato come una unità formata da corpo,
mente, spirito, ambiente e comportamento. Con i suoi precetti di
vita, l’ayurveda vuole mantenere integra questa unità giorno
per giorno, mentre con i metodi di cura la vuole ritrovare.

Per l’ayurveda, la consapevolezza della propria identità
è la vera fonte del sapere, una sorta di biblioteca cosmica
dove possiamo trovare le risposte a tutte le domande, anche quelle
che ci pone la malattia.

Per la sua ampia visione della qualità della vita,
l’ayurveda viene da molti considerata come la madre delle medicine
del continente euroasiatico. Avrebbe influenzato lo stesso
Ippocrate, medico vissuto in Grecia tra il 460 a.C e il 370 a. C.,
unanimemente riconosciuto come il fondatore e progenitore della
medicina moderna.

Licia Borgognone

Articoli correlati