Bagno del tronco con frizione in idroterapia

I bagni del tronco di lunga durata (30-60 minuti) con l’acqua calda o tiepida, accompagnata da un’appropriata frizione, hanno una forte azione calmante

Ideato da Luis Kuhne, uno dei principali sostenitori e divulgatori
dell’idroterapia, questo bagno del tronco con frizione dà
risultati eccellenti in molte malattie: fa scendere la temperatura
corporea per cui può essere applicato con profitto in tutte
le forme acute e febbrili.
Questo trattamento è particolarmente raccomandato nella
stagione calda quando l’organismo reagisce meglio.

I bagni del tronco di lunga durata (30-60 minuti) con l’acqua calda
o tiepida, accompagnata da un’appropriata frizione, hanno una forte
azione calmante e quindi sono molto indicati negli stati di
sovreccitazione nervosa.

È necessaria una vasca o un altro recipiente
sufficientemente grande per poter contenere il tronco del paziente
(escluse braccia e gambe) oltre l’acqua necessaria a coprirlo.
Durante il bagno si friziona l’addome con una tela ruvida di canapa
grezza in direzione dall’ombelico verso l’alto e da entrambi i lati
del corpo.

Questo bagno dà migliori risultati se effettuato con l’acqua
fredda, ma è ovvio che esso può essere effettuato
solo dalle persone sufficientemente robuste che possono contare su
una reazione corretta (non bisogna provare sensazioni di freddo al
termine del bagno).
Le persone sensibili al freddo possono, almeno all’inizio,
utilizzare acqua tiepida. Nei casi di malattie ai reni o alla
vescica non si possono effettuare bagni del tronco freddi senza
l’indicazione del medico. Lo stesso avvertimento vale per i malati
di cuore, di anemia grave, ecc..mentre invece, se effettuati con
acqua calda questi bagni calmano le coliche renali, epatiche,
intestinali, ecc.., nonché i dolori mestruali, le diarree
dolorose e disturbi del genere.
In caso di disturbi cronici si consiglia di effettuare questi bagni
una o due volte al giorno; in presenza di febbre possono venire
effettuati più spesso.

Sonia Tarantola

Articoli correlati
Spugnature e idroterapia

Per spugnature si intende lo strofinamento di una parte della superficie corporea con una pezza umida, ovvero immersa nell’acqua fredda e poi strizzata.