Bambini e raffreddore

E’ fondamentale consumare alimenti integri biologici per curare un raffreddore o un’influenza qualsiasi

In caso di raffreddore o influenza, malattie virali ad andamento
benigno, fastidiose ma a decorso abbastanza veloce, non c’è
cura, non c’è antibiotico in grado di agire, solo
l’organismo può, con le proprie risorse, far fronte a questo
tipo di malattie. Se non è possibile attaccare direttamente
il virus è però possibile, attraverso
l’alimentazione, rendergli la vita difficile, anzi invivibile,
inadatta alla sua riproduzione.

A tale scopo è fondamentale consumare alimenti integri e
biologici; orientarsi verso uno stile alimentare di tipo
mediterraneo, che porti a ridurre al minimo il consumo di alimenti
di origine animale; dare la preferenza alle proteine di origine
vegetale; consumare quotidianamente alimenti freschi di stagione;
evitare gli alimenti raffinati; condire con olio extravergine di
oliva pressato a freddo e di qualità garantita biologica;
limitare il consumo di grassi saturi alla quantità
necessaria a coprire il fabbisogno giornaliero; limitarsi nel
consumo di sale. Per insaporire gli alimenti usare erbe
aromatiche

L’alimentazione più adeguata a un bambino raffreddato
è quella a base di alimenti vegetali: cereali, ortaggi,
legumi, erbe aromatiche, frutta. Per favorire un rapido
miglioramento della situazione si consiglia di eliminare dal menu
latte e derivati, carne, prosciutto e altri alimenti di origine
animale, nonché merendine industriali, dolci in genere, coca
cola e bevande industriali.

Il bambino potrà bere succhi di frutta senza zucchero
aggiunto, spremute di agrumi, centrifughe fresche di frutta e
verdura e mangiare frutta fresca di stagione, frutta cotta con semi
di finocchio, e così via.

Molto utili sono anche tisane a base di origano, zenzero e timo;
succhi di arance, succo di carote, mele e mirtilli; brodi vegetali
a base di carote, finocchi, lattuga, cicoria, sedano, alghe, ecc.;
cereali cotti in brodo vegetale con aggiunta di erbe aromatiche
come rosmarino, salvia, origano, alloro, ecc.; formaggio di soia
con porri, cipolle, zenzero, ecc.; decotti di kuzu , té
bancha, decotti di semi di finocchio, infusi di melissa e altro
ancora.

Anche l’utilizzo di erbe come aneto, anice stellato, zafferano,
finocchio e così via e di integratori come ad esempio
lievito di birra, fermenti lattici o clorofilla sono efficaci nelle
malattie da raffreddamento.

Giulia Fulghesu
Psicologa e dietista

Articoli correlati
Antonio Chiodi Latini. La mia è un’alta cucina vegetale

La parola chef non lo rappresenta, così ha deciso di definirsi cuoco delle terre. È Antonio Chiodi Latini, il suo ristorante si trova a Torino. Un progetto di cucina vegetale e creativa frutto di uno studio molto importante sulle verdure, con tecniche e tecnologie di altissimo livello. “Ho pensato che la strada per il futuro