Beauty so difficult

Milano, Palazzo delle Stelline fino 23 luglio 2005

Le opere sono state appositamente pensate per l?iniziativa e per
gli spazi del Palazzo delle Stelline da artisti giovani
provenienti da culture diversissime tra loro.

Due sono le rassegne, con due sottolineature e visioni che
già da subito si presentano diverse tra loro a partire dal
titolo. La prima BEAUTY, SO DIFFICULT dal respiro europeo; la
seconda BEAUTY NOT SO DIFFICULT (16 giugno ? 23 luglio) solo con
artisti italiani.

Questo è il primo appuntamento a cura di Michele
Robecchi.

Un video-documentario proiettato su sei schermi testimonia la
storia degli abitanti di una comunità rom della Repubblica
di Moldavia: una decina di anni fa iniziarono a costruire in cima
ad una collina una serie di ville lussuose in stile barocco locale
ma con la totale assenza di infrastrutture basilari come l?acqua o
l?impianto di riscaldamento. Ironia e malinconia per il dispendio
di energia e di mezzi!
Un bosco affascinante e misterioso invade le pareti della sala,
mentre sulle vetrate del chiostro sono invase da stormi di
falchi…sono gli adesivi-uccello (warning birds) che si
trasformano per interpretare in un desiderio di natura. Il
materiale del cartone viene nobilitato e diventa il protagonista di
alcuni oggetti creati dall?artista.
Una raccolta di immagini nuziali fotografate in giro per il mondo
chiede la mostra.

?La bellezza, così ardua?- così va tradotto il
testo inglese dei Canti Pisani di Ezra Pound ?Beauty so difficult?
che ha ispirato questa mostra- è un fatto che interroga
tutti noi?.?Permane ancora nell?uomo e, quindi soprattutto
nell?uomo contemporaneo, un?esigenza insopprimibile di bellezza?
Dire che la bellezza è difficile sottintende che la si stia
cercando. E allora dov?è, andiamola a cercare, o meglio
andiamo a vedere le espressioni di oggi cosa ci mostrano?. Questo
si sono chiesti Jean Clair, Claudia Gian Ferrari ed Elena Pontiggia
che compongono il Comitato Scientifico della Fondazione.


Sonia Tarantola

Fondazione delle Stelline
Corso Magenta, 61
Orari: lunedì 14-19; dal martedì al sabato 10-19;
chiuso domenica e festivi
Ingresso libero

 

Articoli correlati
Ultime notizie

Una mostra dedicata alla dimensione temporale, al trascorrere del tempo e alla sua percezione.Dal 18 marzo al 12 giugno Milano, Padiglione d’Arte Contemporanea