Bello, ricco e che resti a colazione

Un libro divertente e ironico in cui molte donne potranno immedesimarsi.

Bello ricco e che resti a colazione? Un sogno di tutte, eh?
Se si ferma a colazione, senza darsi alla macchia, dovrebbe essere
fatta. Il condizionale è d?obbligo.

Eva è la protagonista di questo fresco e brioso
libro.
Ha trentotto anni, fa la truccatrice, è sposata con un uomo
disperso in Indonesia dopo la tragedia dello tsunami. No, no,
nessuna disgrazia. ?Semplicemente? un nuovo amore per il quale ha
abbandonato la sua famiglia.
Eva ha due figlie adolescenti, in preda ai turbamenti e alle
tempeste ormonali, che la fanno sempre preoccupare. E ancora in
famiglia un coniglio, un cane, amici e fidanzatini delle
figlie.

E lo spazio per Eva?
Eva sogna un uomo che si prenda cura di lei, che le riservi le sue
attenzioni e che possibilmente?si fermi a colazione.
E verrebbe da dire: ?Mettiti in fila, Eva!?. Ce ne son tante di
donne in questa situazione!

Un giorno in un pub Eva incontra Thomas, scapolo incallito che,
conoscendola, a poco a poco si ricrede. Capisce che la macchina, il
lavoro, le vacanze, le avventure non gli bastano più.
Riusciranno a fare colazione insieme?
Leggere per scoprire!

Un libro divertente e ironico in cui molte donne potranno
immedesimarsi.
Una lettura leggera, consigliata a tutte per prendersi una pausa e
per sorridere un po?.


Silvia Passini

Articoli correlati
Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.

L’evoluzione a fumetto

Tutto evolve. Muta. Cambia nel corso del tempo. Dalle specie animali e vegetali alle nostre conoscenze, da un singolo festival al concetto di “cosa sia” arte a quello di “cosa sia” letteratura. Il Festival Internazionale del Fumetto, del Gioco e dell’Illustrazione parla proprio di questo.