Biologico

Bio. Aumenti record nel 2011.

Volano ancora i consumi del bio in Italia, +13 per cento nel 2011. La crescita nelle quote di mercato non si arresta, per svariati motivi.

I cibi bio fanno registrare nel 2011 un aumento record del 13 per
cento negli acquisti di prodotti biologici confezionati, una cifra
che addirittura triplica per alcune referenze come la pasta (+ 97
per cento) e le mozzarelle (+120 per cento).

E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei
dati Ismea relativi al primo bimestre del 2011. Oltre alla pasta e
mozzarelle, trainano la crescita il latte a lunga conservazione
(+77 per cento) e quello fresco (+32 per cento). In aumento anche
gli acquisti di prodotti ortofrutticoli biologici (+12 per cento),
con punte del 32 per cento per i finocchi, del 28 per cento per le
clementine e del 18 per cento per zucchine, broccoli e mele.

La tendenza dell’anno scorso pare rafforzarsi. Forse le
preoccupazioni sulla qualità del cibo, rilanciate dalla
vicenda del ‘batterio killer’, spingono ancora di più i
consumatori italiani verso i prodotti da agricoltura biologica.

Si stima una spesa superiore a 3 miliardi di euro per il biologico
in Italia. Una conferma dell’attenzione degli italiani verso i cibi

etichettati con il quadratino verde
, ma anche
il tipico e il prodotto a chilometri zero acquistato magari
direttamente dagli agricoltori o nei mercati di campagna amica dove
hanno fatto la spesa 8,3 milioni di italiani nel 2010.

In Italia – ricorda la Coldiretti – si contano 45.509 operatori
biologici all’inizio del 2010 mentre sono coltivati a biologico
1.106.684 ettari con una crescita del 10 per cento.

Articoli correlati
Biologico, il momento decisivo è adesso

Le associazioni del biologico chiedono all’Italia di stare al passo con le strategie europee per una transizione agroecologica. Il commento della presidente di Federbio, Maria Grazia Mammuccini.