Bolivia, una terra da scoprire

La Bolivia è un paese spesso dimenticato ma che può dare suggestioni di grande intensità ed appagare la curiosità anche dei viaggiatori più smaliziati…

Selve lussureggianti, belle e ricche, non solo
natura: architetture moderne e ricordi coloniali, villaggi sperduti
e mercati Indio ricchi di colore, suoni e profonda
umanità.

La Bolivia è un paese spesso dimenticato ma che
può dare suggestioni di grande intensità ed appagare
la curiosità anche dei viaggiatori più smaliziati…
Proviamo a scoprirla, questa Bolivia, alternando zone note (come
perdere il Salar de Oyuni?) a regioni fuori dalle normali rotte. La
Paz, architetture moderne e colorati mercati indio; vicino le
grandi formazioni calcaree della valle della Luna, un mondo quasi
irreale; il circuito delle missioni dei Gesuiti per capire la
storia e l?arte degli Indios.

?Le Pietre del Paquio?, enormi e precarie, modellate dal vento
in strane forme. 2750 metri di altezza: Sucre, testimone vivente
dei tempi coloniali, un pezzo di Spagna oltre Oceano.

Tessuti, ceramiche, ponchos: e il mercato Tarabuso, vociante e
colorato spaccato di un paese tra tradizione e voglia di
modernità.

Un pomeriggio in treno ci regalerà la visione delle
sconfinate distese dell?altopiano, dominate sullo sfondo dalle
Cordigliere innevate, che, piano piano, in un contrasto di
sfumature di colore, cedono il passo alle montagne vulcaniche:
racchiusa lassù c?è la più alta distesa di
sale al mondo, il Salar de Uyuni, manto infinito di sale ricco di
litio. Lo percorreremo mentre l?orizzonte cesserà a poco a
poco di esistere e ci sembrerà di galleggiare; ogni tanto,
isolotti rocciosi, quasi dei miraggi, ricoperti di cactus, uniche
zone colorate nel bagliore della pianura salina…

Sonia
Di Gregorio

Articoli correlati