Bollicine inebrianti

L’alcool viene assimilato più velocemente bevendo uno spumante gasato e pieno di bollicine.

Un team della University of Surrey in Guildford, grazie ad una paio
di “drinks parties” aperti a sperimentatori volontari, ha rilevato
che le bollicine dello champagne enfatizzano gli effetti inebrianti
dell’alcol contenuto nella bevanda.

Bevendo uno spumante gasato infatti, la crescita del livello di
alcol nel sangue risulta più rapida che non quando non ci
sono le fatidiche bollicine. Dopo soli 5 minuti, nei bevitori di
spumante gasato si riscontrava una media di 0,54 milligrammi di
alcol per millilitro di sangue, mentre nei bevitori di champagne
“piatto” se ne rilevava unicamente lo 0,39.

La cosa è probabilmente dovuta alla diversa modalità
di assimilazione dell’alcol da parte dell’organismo: normalmente
l’assimilazione avviene per il 20% nello stomaco e per il restante
80% nell’intestino. Sembra che, in qualche modo, il diossido di
carbonio delle bolle velocizzi il passaggio dell’alcol
all’intestino e quindi la relativa assimilazione.

Articoli correlati