Bucato al vapore

Immaginiamo di dover cambiare lavatrice: sappiamo che per essere “eco “dobbiamo sceglierne una di classe A++, che ci faccia risparmiare energia e acqua. Ma possiamo avere ancora di più.

Una nota casa produttrice di elettrodomestici ha appena lanciato
sul mercato una lavatrice che lava a vapore.

I vantaggi immediati di questa tecnologia sono diversi.
Innanzi tutto il risparmio: fino al 20% di energia elettrica e fino
al 35% di acqua rispetto alle lavatrici di pari
capacità.
Il cestello da 63 litri (più grande del 10% circa rispetto
ad un cestello normale) permette un ulteriore risparmio, se si
utilizza sempre la lavatrice a pieno carico.

Non solo. Questa tecnologia permette da un lato di essere ancora
più “eco” e dall’altro di igienizzare meglio: secondo la
British Allergy Foundation, l’AAFA (Asthma and Allergy Foundation
of America) e il Dipartimento di Sanità Pubblica
Microbiologica e Virologica dell’Università degli studi di
Milano, il vapore è in grado di eliminare il 99,9% di germi,
allergeni e virus anche a basse temperature (30°C), senza
l’ausilio di detersivi.

Questo vuol dire che, a parità di risultato, si evita di
inquinare l’acqua con i tensioattivi degli ammorbidenti e gli
additivi che normalmente usiamo per igienizzare il bucato.

Una bella soluzione per l’ambiente, per la salute delle persone
e per l’economia.

Chiara Boracchi

Articoli correlati