Bugo: Ora respiro. Con l’aiuto dei fan

“Ora respiro”

Qualche giorno fa su Musicraiser è apparso
un nuovo progetto: “BUGO Ora respiro. Un film concerto di Andrea
Caccia”. Il regista in prima persona ci spiega – scegliendo la
prima piattaforma di crowdfounding italiana (fondata nell’ottobre
2012 da Giovanni Gulino, il cantante dei
Marta sui Tubi, insieme alla compagna
Tania Varuni) – come da dodici anni (era il 2001)
stia seguendo il musicista Bugo, che all’epoca
suonava quello che era definito lo-fi, filmandone l’attività
artistica, ma anche momenti più privati, con una piccola
videocamera e un paio di cineprese super8. L’uno alla ricerca di
nuove espressioni musicali; l’altro alla ricerca di una formula di
cinema documentario semplice e allo stesso tempo profonda; entrambi
comunque devoti alla famosa filosofia del “DIY, do it
yourself”.

Ora, prosegue Caccia: “Noi abbiamo preparato il campo, ma per fare
goal, abbiamo bisogno della vostra migliore azione!” corredando
l’affermazione con un disegno alla migliore maniera di Bugo
stesso.

La carriera di Bugo, infatti, è stata
così piena e la quantità di materiale registrato
così ampia, che per portare a termine il progetto, nato
rigorosamente per piacere e quindi senza budget, è
necessaria a questo punto una somma di denaro che il regista spera
di raccogliere anche grazie all’aiuto dei fan. Fino al 31
ottobre
, quindi, chi vorrà potrà scegliere
di sostenere economicamente il film, collegandosi alla pagina Musicraiser dedicata al progetto e
versando la quota desiderata.Ma non è finita qui. Il film, come afferma lo stesso Caccia,
ha bisogno di persone che credano nella sua realizzazione e che
quindi siano disposte a sostenerlo, oltre che economicamente, anche
idealmente e artisticamente. Idealmente, parlando a tutti del film
e condividendo tutto quello che accadrà in rete e fuori
dalla rete nelle prossime settimane. Artisticamente, partecipando
al film attivamente, proponendosi come attori, musicisti, fotografi
o disegnatori di t-shirts. Ci sono, infatti, riprese ancora da
realizzare, dove Bugo stesso intervisterà i fans, i titoli
di coda ancora da preparare e le t-shirt del film da produrre.
Insomma: “E’ un bel salto. Facciamo un bel respiro”… insieme,
aggiungiamo noi.Tutte le informazioni e i contatti per partecipare attivamente sono
qui.

Articoli correlati
Nicola Feninno, direttore di Ctrl. Stiamo scomparendo, proprio come le storie che racconteremo

Un piccolo giornale che vuol diventare grande. Un’impresa culturale locale, di Bergamo, che vuole abbracciare l’Italia e i suoi angoli più nascosti. Un titolo, “Stiamo scomparendo”, che vale sia per il libro in arrivo, da sostenere con il crowdfunding, sia per le lingue, i dialetti e le enclave culturali italiane ivi ritratte e raccolte. Ne parliamo con il direttore di Ctrl, Nicola Feninno.