Buon 2011!

Il nostro è un Paese in grande crisi economica, politica e finanziaria, altre sono state le priorità e poco è stato fatto per l’ambiente.

Il mio augurio è di iniziare il nuovo anno con tanta
voglia di vivere, di cambiamento, di allegria e voglia di
esprimerla. Indirizzare le energie della mente verso pensieri
positivi e costruttivi per ritrovare sempre l’armonia con noi
stessi e con l’ambiente. Come ogni anno Germanwatch, l’associazione
non governativa, ha stilato la classifica dei Paesi virtuosi in
tema di lotta i cambiamenti climatici. Quest’anno ha analizzato
l’impegno dei 60 Paesi responsabili del 90 per cento delle
emissioni globali di anidride carbonica e l’Italia si trova agli
ultimi posti.

Il nostro è un Paese in grande crisi economica, politica e
finanziaria, altre sono state le priorità e poco è
stato fatto per l’ambiente. Questo risultato negativo non deve
demotivarci ma anzi spingerci a fare di più per migliorare.
Con il cuore ognuno può fare qualcosa. La sfida è
proprio questa. Vivere ogni giorno nella modernità
rispettando l’ambiente, essere informati e fare scelte consapevoli
con uno sguardo al futuro e non al passato. Non serve spegnere il
frigorifero, ma sceglierne uno più efficiente dal punto di
vista energetico; e perché rinunciare al satellitare
sull’auto se ci permette di raggiungere in meno tempo la meta
risparmiando carburante e CO2? La tecnologia non è nemica
dell’ambiente: se utilizzata bene è molto efficace e
può migliorare non solo la nostra vita, ma anche quella del
pianeta. Se lo vogliamo davvero il mondo cambierà.

Articoli correlati
Il cuore americano

Il 6 novembre 2012 Obama viene rieletto Presidente degli Stati Uniti. Con il suo discorso di ringraziamento commuove l’America e tutto il mondo.

Vite violate

Ogni giorno nel mondo molte donne subiscono violenze e in alcuni Paesi perdura la pratica di sfigurarle con l’acido. Terribile e inaccettabile.

Terremoto, metafora italiana

Il terremoto è una metafora di questo Paese in crisi, gravemente ferito. Ma il popolo italiano è unito nella solidarietà, nella volontà di riscattare la propria dignità lontana da scandali, avidità e teatrini dell’ipocrisia.

La vera umanità, tra conflitti, religioni e culture

Triste assistere ancora oggi, nel 2012, all’odio tra le culture e le religioni. I conflitti dilagano in un processo di degenerazione in continuo degrado e squilibrio, mentre le diverse fedi si trasformano in uno strumento di violenza e morte.