Cambiare è facile con la PNL

La PNL, Programmazione NeuroLinguistica, insegna qualche trucco per aggirare gli automatismi che ci tengono ancorati a comportamenti stereotipati.

Quanti di noi si sono ripromessi di cambiare aspetti del proprio
comportamento, ma si sono ritrovati a fare le cose come le hanno
sempre fatte? Magari addossando la colpa agli altri, e così
peggiorando ulteriormente la situazione? Che fatica, a volte! Ma
c’è una spiegazione, più semplice di quanto possiamo
immaginare.

Succede infatti che alcuni comportamenti che abbiamo imparato ad
usare tempo fa, magari perché erano opportuni in determinati
momenti e contesti, diventano parte della nostra muscolatura, anche
mentale. Ci troviamo così a riproporli in situazioni dove
non sono più necessari.
Come possiamo facilitare un cambiamento in queste situazioni? Prima
di tutto, è opportuno considerare il cambiamento come un
aggiornamento del nostro “sistema operativo”. Così facendo
evitiamo di focalizzarci troppo sulle cose che non funzionano, e
invece riusciamo a dirigere più energia verso la condizione
che veramente vogliamo.

Chiedo quindi al lettore di dedicare un quarto d’ora, in un momento
quando non sarà disturbato, per pensare ad un comportamento
che desidera cambiare, e rispondere a ognuna delle seguenti
domande.

Dare una risposta prima di passare alla domanda successiva:

  • Quale beneficio immediato, quale effetto positivo mi da questo
    comportamento (quello da cambiare)?
  • In quale fase della mia vita era importante ottenere questo
    effetto positivo?
  • Oggi, a distanza di tempo, quali modi alternativi posso trovare
    per soddisfare quella necessità di allora?

Ora pensa a una situazione futura, nella quale questi nuovi modi ti
potrebbero servire. Li userai? Se la risposta è negativa,
vuol dire che dovresti trovare un’altra alternativa ancora (la
terza domanda sopra). Se la risposta è affermativa,
significa che sei stato autore di un brillante cambiamento
generativo (sei sulla strada per generare scelte illimitate).
Ricorda che non c’è bisogno di buttare via niente. Abbiamo
semplicemente da aggiornare il modo in cui affrontiamo le sfide
della nostra vita.

Arthur A.
Sackrule

Articoli correlati
Shutdown. Perché gli Stati Uniti hanno chiuso tutto

Dai parchi nazionali ai monumenti. Gli Stati Uniti chiudono i battenti lasciando a casa 800mila dipendenti che lavorano per i principali enti federali, Nasa inclusa, per mancanza di soldi utili a finanziare i servizi pubblici.

Ci sono meno bambini che lavorano

La lotta al lavoro minorile nel mondo sta facendo progressi. Secondo i dati diffusi dal nuovo rapporto dell?Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) il numero di bambini costretti a lavorare

Siria, i rifugiati sono oltre 2 milioni

Le persone scappate dalla Siria hanno superato i 2 milioni. Solo un anno fa i rifugiati erano 231mila secondo quanto riportato dall’Alto commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite (Unhcr).

Scontri anche a Madrid, contestato Rajoy

Il corteo ha bloccato alcune strade del centro di Madrid, in particolare quelle che si trovano vicino alla sede del Partito popolare spagnolo. Qui i manifestanti hanno iniziato a chiedere le dimissioni del primo ministro Mariano Rajoy