Tutti i possibili utilizzi della canapa

Una risorsa pulita per un’economia sostenibile. Una pianta dalle innumerevoli risorse la cui produzione ha un bassissimo impatto ambientale.

Gli utilizzi della canapa sono differenti e molteplici: produce tessuto, carta, plastica, olio, truciolato, non ha bisogno di concimi e di pesticidi, arricchisce il terreno e produce una grande quantità di ossigeno, aiutando quindi a frenare fenomeni come l’effetto serra e il buco d’ozono.

usi della canapa
La canapa può essere usata anche in edilizia © Ingimage

I possibili utilizzi della canapa

Nella coltivazione non si usano diserbanti, perché la canapa non ha bisogno di a per essere coltivata se non acqua. E’, in origine, un erbacea infestante e si può immaginare che forza può avere! La sua radice arriva fino a un metro e mezzo di profondità, rompe il terreno fissando l’azoto e le sostanze organiche, frenandone l’erosione, creando umidità relativa.

E’ una coltivazione preziosa per la rotazione: le colture seguenti alla canapa hanno dimostrato un incremento di qualità e quantità variabile dal 10 al 15%. Su terreno marginale, quindi con scarsissima attività vegetativa, dopo il passaggio della canapa la fertilità aumenta in proporzione da uno a tre.

Canapa e derivati

La fibra della canapa ha delle proprietà invidiabili, rispetto alle altre fibre in commercio: la iuta dà una fibra grossolana, il lino ha una titolazione più fine, ma ha l’inconveniente che sgualcisce, si spiegazza, la canapa no, tutt’al più si ondula leggermente. Inoltre la lunghezza della fibra (circa 40 cm della canapa contro i 20 del lino) conferisce elasticità al tessuto. Il suo tessuto induce un vero e proprio micromassaggio, stimolando la circolazione, inoltre protegge dai raggi ultravioletti assorbendone il 5-10%.

Gli usi della canapa

usi della canapa
Con le fibre di canapa si possono realizzare indumenti © Ingimage

In medicina

Il fiore della pianta di canapa contiene oltre alle note sostanze psicoattive (il Thc o tetraidrocannabinolo), altre composti chimici con attività ansiolitca, anti-convulsivante e anti-infiammatoria. Le ricerche sui cannabinoidi nella sclerosi multipla seguono due direzioni: quella di valutare i cannabinoidi come trattamenti sintomatici, oppure come eventuali trattamenti di base, valutandone le sue potenzialità “neuroprotettive”.
Nel 2017 La Camera dei Deputati ha approvato, il Testo Unico che disciplina l’utilizzazione della canapa per uso terapeutico; ad esempio il medico potrà prescriverla per la terapia del dolore e altri impieghi. La ricetta (oltre a dose, posologia e modalità di assunzione) dovrà recare la durata del singolo trattamento, che non può superare i tre mesi.

In chimica

La canapa può essere impiegata per la realizzazione di bioplastiche di origine vegetale, biodegradabili e a ridotto impatto. Alcune parti delle automobili sono oggi realizzate in canapa, come in bambù.

In edilizia

Tra i differenti usi della canapa, spicca certamente quello nel settore edile. Si può utilizzare come isolante termico ed acustico. Infatti dalla canapa si producono pannelli da inserire nelle murature, nei sottotetti, nei pavimenti, nei controsoffitti, nei divisori interni, sia in edifici ex–novo che nelle ristrutturazioni.

Carta o tessuti

Le fibre resistenti della canapa, possono essere impiegate per realizzare carta di pregio o tessuti del tutto naturali. Fino a qualche secolo fa la polpa di canapa era la più utilizzata per la realizzazione della carta. I capi di abbigliamento realizzati con queste fibre invece, possiedono caratteristiche simili a quelle della lana.

Articoli correlati