Casa Willeit (Bz)

L’architetto Albert Willeit ha realizzato a Bolzano il suo sogno: una casa costruita con materiali ecologici, progettata all’insegna del risparmio energetico e con l’uso di fonti di energia rinnovabile. In pratica una casa a consumo quasi zero.

“La realizzazione della nostra casa si è svolta in quattro
fasi – racconta Albert – ognuna caratterizzata da momenti di grandi
emozioni.

La prima si è protratta per lunghissimo tempo. Era dedicata
alla ricerca di un terreno o di un edificio che ci piacesse e
potesse soddisfare le nostre esigenze, a valutare le offerte, a
trattare e poi alla fine… a dover rinunciare a tutto. Solo dopo
diversi anni abbiamo finalmente trovato il terreno giusto.

La fase due, cioè quella progettuale, è stata molto
intensa e impegnativa. Schizzi e disegni si accumulavano, spesso le
notti erano insonni. Domande su domande riguardanti la forma della
casa e la tecnica costruttiva. E’ stato elaborato il concetto
energetico, accompagnato da molti dubbi del tipo:
funzionerà? la qualità abitativa si rivelerà
buona? ci sentiremo a nostro agio? cosa sarà per le grandi
finestre: disturberanno il senso dell’intimità?
provocheranno un surriscaldamento d’estate e un clima freddo
d’inverno? chi pulirà queste vetrate? stiamo prendendo le
decisioni giuste?…

Seguivano contatti con gli artigiani, si trattava, si spiegavano i
concetti e poi… nella terza fase, quella della costruzione, tutto
si è svolto molto velocemente. Il rustico è stato
realizzato in soli tre giorni perché soffitti e pareti erano
prefabbricati”.
Grandi erano le emozioni nel vedere prendere forma in così
breve tempo spazi e volumi che da anni erano presenti nella nostra
immaginazione. Ho passato molto tempo nel cantiere per dirigere i
lavori e per lavorare, la qual cosa mi procurava moltissimo
piacere. La mia presenza si è rivelata necessaria
perché molte soluzioni tecniche erano completamente nuove
per gli artigiani”.

Finalmente la fase quattro, quella del trasloco. “Si
tratterà di una casa da sogno o di una casa da incubo con
grossi errori di concetto? Nel giro di poco tempo abbiamo capito
che tutta la famiglia incluso il cane si sentiva completamente a
proprio agio nella nuova casa. Straordinaria si è rivelata
la qualità abitativa degli spazi che durante i mesi
invernali vengono inondati dal sole. Anche i vari terrazzi,
utilizzabili secondo il tempo e la posizione del sole, ci piacciono
molto”.
“Come un piccolo gioiello percepiamo il laghetto davanti alla
finestra che con il tempo soleggiato rispecchia le onde dell’acqua
sul soffitto. Quello che i videoartisti realizzano con l’impegno
della tecnologia nel nostro caso si crea naturalmente: un’opera
d’arte in movimento”.

“Fino ad oggi il concetto energetico funziona bene e quindi
l’impegno e gli sforzi che richiedeva la costruzione di questa casa
si sono rivelati redditizi. Sono sempre più numerose le
persone che chiedono informazioni e vorrebbero visitare la nostra
casa. Una conferma delle nostre scelte, anche se cominciamo a
sentirci un po’… stressati”.

Articoli correlati