Cause, rimedi e consigli contro il sovrappeso

Indicazioni valide per imparare ad avere una cultura alimentare che ci permetta di alimentarci in modo sano, vario e soprattutto corretto.

Alla base di una corretta alimentazione ci sono principi e regole
che permettono di capire i principali fattori del sovrappeso e di
intervenire per risolverli al meglio.
Per semplicità sono stati riassunti in tre regole.

  • Prima legge: il regime alimentare deve portare il
    soggetto ad avere una massa grassa inferiore al limite di
    sovrappeso.
    Apparentemente intuibile e banale, questa legge ci fa comprendere
    appieno l’aspetto medico del fenomeno: il sovrappeso è un
    fattore di rischio per moltissime patologie; ma soprattutto
    è bene chiarire che uno stesso alimento assunto da una
    persona “obesa” fa maggiori danni che se assunto da una persona con
    la corretta massa grassa. Quindi è inutile demonizzare un
    alimento, ma bisogna imparare ad alimentarsi con criterio.
  • Seconda legge: il regime alimentare deve rispettare la
    corretta ripartizione dei macronutrienti.
    Per macronutrienti si intendono la pasta, la carne rossa, il pesce,
    ecc. alimenti che devono essere presenti in una dieta in modo
    corretto senza arrivare ad escluderne l’assunzione per favorirne
    altri ma, considerando il loro apporto energetico, introdurli
    nell’alimentazione giornaliera in relazione alle calorie totali
    ingerite in una giornata e al fabbisogno del nostro corpo.
  • Terza legge: il regime alimentare deve rispettare gli
    intervalli di assunzione consigliati per ogni micronutriente.
    I micronutrienti sono vitamine, minerali ecc. che sono un gruppo
    importante nella dose giornaliera consigliata e soprattutto sono
    presenti negli alimenti principi per una corretta alimentazione:
    nella verdura e nella frutta.

Da queste regole di buona alimentazione è facile dedurre che
bisogna variare il più possibile la nostra dieta moderando
l’assunzione di cibi ipercalorici e preferendo quelli con apporto
minore di grassi e zuccheri.

Da un recente studio la Mayo, una nota clinica che si occupa di
correggere le errate abitudini alimentari dei suoi pazienti, ha
proposto un nuovo modello di piramide alimentare per chi è
interessato alla perdita dei chili in eccesso o solo per
alimentarsi in modo sano e coerente.
Al primo piano, alla base della piramide alimentare, troviamo la
frutta e la verdura che vanno assunte liberamente,
per utilizzare un’ espressione tipica delle diete, possono essere
assunti “a volontà”.
Al secondo piano ci sono i carboidrati che vanno assunti in
4-5 porzioni al giorno.
Mentre al terzo piano troviamo le proteine in 3-4 porzioni
al giorno.
Com’è facile intuire i grassi sono al secondo posto,
assunti in tre porzioni al giorno. E infine i dolci: 75
calorie al giorno.

Altra osservazione va fatta per il riequilibrio dei grassi:
l’olio d’oliva è da privilegiare rispetto alle altre fonti
di grassi senza dimenticare che va utilizzato con moderazione e
soprattutto senza escludere totalmente il burro e le margarine. E
infine parliamo dei dolci, la vera causa del soprappeso. Appetibili
e poco sazianti sono da ritenersi i principali nemici della nostra
linea, quindi per un valido aiuto ai problemi del soprappeso
è bene limitare il consumo di zuccheri semplici, dolci,
gelati, vino, alcolici e bevande industriali.

Luciana Leo

Torna
all’articolo

 

Articoli correlati