Cefalea: quattro persone su dieci ne soffrono.

Da sempre l’uomo combatte contro il mal di testa. La stessa Atena, dea dell’intelligenza, nacque grazie a un mal di testa di Zeus.

Sintomatologia
E’ un disturbo molto comune non solo tra gli adulti ma anche tra i
bambini. Colpisce in prevalenza le donne.
Ha un’intensità variabile, che può andare da un
leggero dolore a forti e continui spasmi.
Si manifesta con crisi periodiche di mal di testa, con
irritabilità, nausea, capogiri e sensibilità alla
luce.
Le sue cause organiche sono quasi sempre molto difficili da
identificare.

Simbolismi
Uso improprio della testa, che viene utilizzata per impedire il
passaggio delle emozioni.

Personalità
Colpisce chi ha una intensa attività razionale.
Chi ne soffre è una persona iperattiva, determinata,
concreta, ambiziosa, perfezionista, con grande autocontrollo che si
identifica quasi totalmente con qualcosa, che spesso è il
lavoro.

Indicazioni terapeutiche
Lo stile di vita che ne è la causa principale deve essere
riconsiderato allo scopo di ridurre lo stress.
La sessualità dovrebbe essere vissuta senza
difficoltà, sensi di colpa, inibizioni e
insoddisfazioni.
Tutte le regole “normali” di vita dovrebbero essere messe da parte
per dare più spazio alle emozioni, alla fantasia, alla
trasgressione e alla spontaneità. Occorre che si riesca a
rompere tutti i vincoli delle abitudini quotidiane di vita.
Evitare l’esposizione al sole, il fumo e l’alcol. Verificare
l’allineamento posturale.
Il buio, la musicoterapica, i massaggi, lo yoga, l’aromaterapia,
consentono di ritrovare quell’armonia che spesso il mal di testa
manda in frantumi.

Alimentazione
Gli alimenti che possono scatenare dolori alla testa per i ragazzi
sono le arance, il formaggio, le arachidi, il grano, la segale, le
uova, il latte, il caffè, la carne di manzo, i pomodori, i
prodotti di soia. Negli adulti: il vino rosso, il gluttamato di
sodio(presente nei dadi) i fichi, i datteri, l’uva passa. Il
cioccolato, tutta la frutta secca, i formaggi stagionati, lo
yogurt, la panna acida, i nitrati delle carni conservate o
trattate, le aringhe affumicate, i crauti e i legumi. Il
caffè per alcune persone è un rimedio per una cefalea
leggera, mentre per altre può essere una causa
scatenante.
Per determinare quali sono gli alimenti “mal di testa” si deve
provare la dieta ad eliminazione progressiva dei cibi normalmente
mangiati.

Gabriele Bettoschi

Articoli correlati