Cenni storici sul Tai Ji Quan

Il Tai ji quan delle origini e le cinque scuole tradizionali.

Le prime notizie storiche documentano l’esistenza del Tai ji quan a
Chenjiagou nella provincia di Henan nel tardo periodo Ming o
all’inizio della dinastia Qing (circa 300 anni fa).
La struttura più antica di questa arte marziale era
costituita da otto posizioni principali delle mani e cinque
variazioni di movimenti e veniva perciò chiamata “Le tredici
posizioni”.

Nel tempo la forma subì evoluzioni e trasformazioni e prese
i nomi di “arte di combattimento morbido” (xuanquan) e di “boxe
lunga” (changquan), pugno di cotone (mienquan).

Nel corso dei secoli si sono sviluppate diverse scuole, ognuna con
un suo differente stile.
Ogni scuola prende il nome dalla famiglia che ne ha elaborato lo
stile specifico:

* La
Scuola Chen
, fondata da Chen Wangting nel XVII secolo: è
la più antica ed è infatti chiamata “Vecchia
struttura” (Lao jiao).

* La
Scuola Yang
, fondata da Yang Luchan (1799-1872) nella provincia
di Hebei, è la più popolare ed è chiamata
“Grande struttura” (Da Jia).

* La Scuola Wu, fondata da Wu Jianquan (1870-1942), segue per
importanza la scuola Yang; è anche nota come “Media
struttura” (Zhong Jia).

* La Scuola Hao, fondata da Wu Yuxiang (1812-1880) è nota
come “Piccola struttura” (Xiao Jia).

* La Scuola Sun, fondata da Sun Lutang (1860-1932) porta il nome di
“Struttura dal passo vivace” (huobu Jia).

Ermanno Cozzi
Maestro di Tai ji quan

Articoli correlati
Il Tandem

La ginnastica preparatoria dell’Aikido si chiama Aikitasio, ma al contrario di come viene concepita in Occidente non si limita alla parte propriamente fisica, ma esalta alcuni aspetti spirituali strettamente connessi al proprio corpo.

Traccia dello sviluppo storico del Budo

La via del guerriero, tradizionalmente associata alle arti marziali, si evolve nel corso di millenni, dall’era preistorica a quella feudale, dall’epoca delle grandi guerre sino all’era moderna.

Il valore etico del judo

La storia del judo spazia oltre i record dei campionati, i suoi massimi esponenti spesso non sono degli sportivi, i suoi valori possono raggiungere la sfera etica, le sue visioni invadono il quotidiano.