Chiavi d’oro dello sviluppo personale

Crescere fa parte del destino di ogni essere vivente, ma spesso le persone incontrano ostacoli che rallentano o interrompono lo sviluppo verso la maturazione.

Crescere fa parte del destino di ogni essere vivente, ma spesso
le persone incontrano ostacoli che rallentano o interrompono lo
sviluppo verso la maturazione. Maturare significa “diventare
ciò che si è”, attraverso un percorso che conduce a
un sempre miglior stato di ben-essere.
Ben-essere come: star bene nel proprio corpo, con le
proprie emozioni,
con le persone che si frequentano, nell’ambiente in cui si
vive.
Espressività
e consapevolezza possono essere considerate le chiavi d’oro,
preziose ed efficaci, che accompagnano verso le porte della
crescita, nella direzione più autentica e naturale, che
corrisponde alle proprie attitudini e risorse.

Valorizzare l’espressività significa far fluire
liberamente
e opportunamente “da dentro a fuori” le
nostre spinte interne. Far emergere così ciò che in
noi è unico
e specifico
, liberando il nostro “modo di essere al
mondo”, il solo nel quale possiamo realmente stare a nostro agio,
sino a poter sentire: “io sono così, parlo così,
penso così, agisco così, sento così, questo
sono realmente io”.

Valorizzare la consapevolezza
invece, permette di entrare sempre più in contatto con
quello che noi siamo realmente (sensazioni del corpo, emozioni,
immaginazioni, pensieri). Significa dunque “conoscersi” attraverso
la propria personale
esperienza
, liberi dai filtri e dalle mediazioni della
cultura, dell’educazione, dei pregiudizi, delle teorie, delle
opinioni.

E’ ben noto, sia alle tradizioni spirituali più antiche,
sia alla moderna
psicologia
, che è realmente possibile
un’esperienza diretta di sé stessi. Si tratta di una
conoscenza coltivabile attraverso molte pratiche
differenti
, ma tutte rivolte a rendere più
diretto, vivo e intenso, il
rapporto che l’essere umano ha con sé stesso, liberando
gradualmente la propria autenticità e permettendo al destino
di maturare naturalmente.
La consapevolezza rende più viva e fluida la propria
espressività
e l’espressività intensifica l’esperienza di sé
stessi, rendendoci più consapevoli: due chiavi d’oro che,
coltivate insieme e intrecciate fra loro, possono moltiplicare i
frutti della propria ricerca.

Ivan
Sirtori

Articoli correlati
La vita vissuta in armonia

“Ognuno deve vivere ogni suo momento con l’intensità con cui lo vivrebbe se fosse il primo attimo del nascere o l’ultimo istante del morire”.

Quale posizione adottare quando si medita

Gli insegnamento del Ven. U-Vivekananda relativi alla posizione corretta da assumere durante la meditazione Vipassana, con indicazioni preziose e utili anche per altre tecniche meditative in posizione seduta.

Elogio dell’agire

Marco Aurelio ed Epitteto c’insegnano che “la vita buona” non consiste nel vuoto parlare, bensì nell’agire.