Il cibo giusto a portata di mano

L’importante differenza ci consente di guardare al cibo come aiuto indispensabile per scaricare in modo sano lo stress e l’abitudine al superlavoro.

Possiamo imparare a dialogare con noi stessi
attraverso il calore, e non le calorie, con cui il cibo ci
accoglie, se lo avviciniamo nel modo giusto. Se spesso il semplice
e necessario atto di mangiare non risolleva le sorti della nostra
giornata, forse dovremmo dare un’occhiata anche al panorama
generale che ci circonda, o che è dentro di noi, quando ci
sediamo a tavola.

Siamo affaticati, dormiamo male, le serate con gli amici sono
diventate rare o addirittura un miraggio?
Manca la concentrazione, non riusciamo a essere creativi, le
emozioni sfuggono al nostro controllo?
Facciamo poco sesso e l’idea di un rapporto non risveglia il solito
interesse? Significa che i nostri livelli di energia fisica,
mentale e sessuale non dispongono di una ricarica sufficiente. Se
questo è il “panorama”, la fine della primavera è
proprio il momento più indicato per cambiare la nostra
strategia.

Cominciamo a seguire alcune regole fondamentali per essere sicuri
di alimentare soprattutto la nostra energia vitale:

  • Introduciamo un po’ di movimento fisico ogni giorno;
  • Evitiamo di mangiare velocemente, qualsiasi cosa capiti, sempre
    e ovunque;
  • Non mangiamo con chiunque: mai come in questo caso vale il
    “meglio soli che male accompagnati”. Appena possibile,
    approfittiamo delle occasioni per mangiare con qualcuno a cui
    vogliamo bene: cibo e affetto, associati, producono un’energia
    ineguagliabile;
  • Mentre stiamo mangiando, lasciamo scorrere i nostri pensieri
    senza soffermarci davvero su a: trasformeremo così il
    momento del cibo in un luogo mentale di leggerezza.
  • Diamo la precedenza ad alimenti crudi, cioè a frutta e
    verdura di stagione.
  • Non intossichiamoci con troppe proteine derivate dalla carne,
    senza per questo privarcene.
  • Usiamo pochi zuccheri raffinati e ricordiamoci che è
    sempre necessario bere in abbondanza: acqua, tisane, spremute di
    frutta. Beviamo succo di ananas, oppure succo di arancia mescolato
    a mandorle tritate finemente: si tratta di un binomio
    particolarmente energetico.

L’Energia è a portata di mano: bastano cibi giusti e
volontà.

Gabriele Bettoschi

Articoli correlati