Claudio Abbado, Renzo Piano e gli alberi di Milano

Il progetto di Renzo Piano per il nuovo cuore verde di Milano era stato presentato con tanto di foto del sindaco Letizia Moratti accanto al maestro Claudio Abbado per presentare i 90 mila nuovi alberi. Quattro mesi dopo, si assiste a una sequenza di accuse reciproche e iniziative civiche.

Al più famoso architetto italiano, Renzo Piano, si rinfaccia di aver chiesto soldi per un progetto che si era impegnato a regalare. Gelida la risposta dello stesso Piano a Letizia Moratti: “notizie false”. A due settimane dagli ultimi attriti, sembra che i 90 mila alberi di Abbado non verranno piantati e che il progetto di Piano rimarrà in un cassetto.

Il Comune: un milione di euro è troppo

Questa la posizione del Sindaco, oggi, sul progetto Piano di sistemazione di nuovi alberi in centro: “Io ho il dovere di fare delle scelte – ha detto la Moratti – e in questo caso ho privilegiato le periferie”. Anche se, sfogliando le tavole del progetto, nei 12 casi studio sono comprese via Palmanova, via dei Missaglia, viale Molise (che centro non sono). Alla fine del mandato della Moratti saranno comunque piantati a Milano 100 mila nuovi alberi.

L’architetto: sono costi tecnici

“L’architetto ha lavorato come regista a titolo completamente gratuito – spiega Alessandro Traldi, che ha partecipato al gruppo di lavoro di Renzo Piano – poi ci sono le spese per la progettazione e per seguire la fase esecutiva dei lavori, circa 120 mila euro l’anno fino al 2015. Si arriva così al milione di euro. È sempre stato chiaro che i costi dovevano essere coperti da sponsor. Al Comune non abbiamo chiesto nulla”. La necessità di uno sponsor per coprire anche acquisto e piantumazione degli alberi sarebbe stata dunque chiara due settimane prima della rottura del 21 aprile. Per questo il gruppo Piano aveva chiesto che i 12 casi studio (3.500 alberi) fossero inseriti nel piano comunale del verde fino al 2015. Palazzo Marino ha rifiutato.

Tremila firme e gruppi su Facebook per gli alberi di Renzo Piano e Claudio Abbado

Una “colletta civica” per piantare gli “alberi di Abbado” in centro città è stata promossa dal gruppo dei Verdi a Palazzo Marino. L’iniziativa prevede un sito internet ad hoc e un conto corrente per raccogliere tutti i contributi che i milanesi vorranno dare per finanziare le piantumazioni programmate nel progetto di Renzo Piano. “Stiamo preparando il sito – spiega il capogruppo Enrico Fedrighini – e vorrei l’appoggio anche dell’assessore all’arredo urbano, Maurizio Cadeo”. La proposta arriva a una settimana dal no di Palazzo Marino alla piantumazione dei 3500 alberi in centro, come chiesto da Abbado come cachet per il suo ritorno sul podio della Scala, per motivi economici. Ecco allora che il gruppo dei Verdi ha lasciato l’idea della colletta civica.

Diffidente l’assessore Maurizio Cadeo

“Se si tratta di venire incontro al piano del verde di Comune ben venga, anzi sarebbe un segno di apprezzamento per il nostro lavoro: noi abbiamo pianificato e finanziato 55mila alberi, mentre la Fondazione Rotary si è offerta di finanziarne altri 37mila. Se si tratta di aiutare il Comune a realizzare il Piano del verde ben venga, sono disponibile, ma se invece si parla solo di iniziative mediatiche allora sono contario”.

Articoli correlati