Cocci in mostra per gli artigiani abruzzesi

Il progetto Riciclo Arte Ricostruzione – Adotta una bottega in Abruzzo è nato quasi per caso. Un’artigiana di Cocullo (AQ), una ceramista, la mattina dopo il terremoto ha trovato garn parte delle sue opere d’arte trasformate in cocci.

Che fare? Il danno stimato era di circa 6.000 euro, non troppo
ma abbastanza per chiudere letteralmente bottega. Nella sua
situazione si trovano, tuttora, molti altri artigiani abruzzesi,
ugualmente colpiti dal sisma.

La ceramista è una dei galleristi di GARD, Galleria Arte
Roma Design; dopo una telefonata alla direttrice artistica Sonia
Mazzoli, l’idea: perché non allestire una mostra proprio con
i cocci recuperati, per raccogliere fondi e riportare arte – e
lavoro – in Abruzzo?

E così è partito il progetto, totalmente
autofinanziato, che ha coinvolto più di 50 artisti che si
occupano di design, artigianato, fotografia, gioielli e moda:
ciascuno di essi si è preso carico di uno dei cocci e ha
prodotto un’opera che è divenuta parte intergrante della
mostra. E’ ancora in atto, inoltre, una ricerca di sponsor, privati
o istituzionali, che consentano l?acquisto delle opere
d’artigianato perdute per il loro valore originario, permettendo al
settore di ripartire.

L’allestimento ha già toccato Roma dal 22 maggio al 5
giugno ed ora giunge a Ponza, dall’1 al 10 agosto. L’appuntamento
è al Museo Comunale, durante l’evento Isole Riflesse –
Ponza Festival 09
.

Gli orari:
dalle 19.00 alle 24.00 dall’1 al 9 agosto
dalle 20.00 alle 06.00 il 10 agosto, in occasione della notte
bianca di Ponza.

Per saperne di più, www.galleriagard.com

Chiara Boracchi

Articoli correlati