Biologico

Coltivare come “bio comanda” fa breccia anche nella FAO

E per iniziativa della Fao è stato pubblicato Organic Agricolture, Environment and Food Security, strumento di studio e lavoro rivolto a governi.

L’interesse per l’agricoltura biologica è in aumento: Fao e
altre agenzie delle Nazioni Unite ne parlano sempre di più,
l’hanno inserita nell’ultima stima sugli sviluppi a lungo termine
dell’alimentazione, nutrizione e agricoltura del globo, il rapporto
“World Agriulture towards 2015/30”.

E non è tutto: sempre per iniziativa della Fao è
stato pubblicato il testo “Organic Agricolture, Environment and
Food Security” (richiedibile tra poche settimane all’indirizzo di
posta elettronica [email protected]), uno strumento di studio
e lavoro rivolto a governi, università e agenzie per lo
sviluppo.

Anche l’agenzia delle Nazioni Unite IFAD – Fondo Internazionale per
lo Sviluppo Agricolo – dimostra il suo interesse per il biologico.
Ha organizzato un seminario sul tema dello sviluppo agricolo nel
terzo mondo dal titolo “The Adoption of Organic Production among
Small Farmers in Latin America: Opportunities and Challenges” . Gli
atti possono essere richiesti scrivendo a [email protected]

Articoli correlati