Orto

Come preparare un buon compost

Il compost deve essere preparato secondo regole precise. Raccogliere residui vegetali in modo disordinato, accumulandoli nell’orto, potrebbe compromettere il risultato finale.

Come si prepara il compost

Tutti i componenti devono essere ridotti in pezzi non più lunghi di 5-10 cm, perché il materiale di piccole dimensioni accelera la decomposizione ed è facilmente miscelabile. Per sminuzzare si possono usare le cesoie, una trincia-foraggio o altri appositi macchinari. A questo punto il materiale deve essere accumulato nel punto di raccolta, che può consistere in una cassa di compostazione, in un mucchio a contatto diretto con il terreno o in un barile. Le erbacce dell’orto possono essere normalmente compostate quando non hanno ancora i semi; diversamente, devono essere deposte al centro del cumulo, dove il calore è tale da neutralizzare la germinabilità dei semi.

Farina di roccia, per prevenire i cattivi odori e allontanare i parassiti

Per impedire la formazione di cattivi odori e allontanare i parassiti, è possibile aggiungere al cumulo un velo di farina di roccia. La farina di roccia, costituita da polvere di lava e altre rocce vulcaniche, è un fertilizzante apprezzato soprattutto per la sua capacità di potenziare la resistenza delle piante agli attacchi dei parassiti. Il cumulo va rimescolato di tanto in tanto e a ogni mescolatura si aggiunge un nuovo velo di farina di roccia.

terreno compostaggio compost farina di roccia
Per impedire la formazione di cattivi odori e allontanare i parassiti, è possibile aggiungere al cumulo di terra un velo di farina di roccia © ingimage

Letame e altri materiali per concimare il terreno

Quando il materiale accumulato è in quantità sufficiente a far partire il processo di compostazione, si aggiunge il letame animale, che può essere di cavallo, pecora, capra o animali da cortile, ma preferibilmente da bovini, meglio se alimentati con il metodo biologico. Altri materiali da utilizzare al posto del letame quando questo non è reperibile, sono farina di corna, farina di sangue, polvere di ossa, alghe o un’argilla chiamata bentonite.

Ogni cumulo deve contenere 2 o 3 palate di terra.

Perché è importante testare l’umidità del terreno

La presenza di muffa nel cumulo indica mancanza di umidità, mentre fermentazione e cattivi odori ne indicano un eccesso. Per controllare il grado di umidità, si può testare il compost prelevandone un pugno e stringendolo nella mano. Se esce qualche goccia di acqua è troppo umido e va integrato con materiale asciutto; se invece al tatto risulta secco, va bagnato, rimescolato e testato di nuovo. Mettendo alla base del cumulo uno strato di materiale grossolano a funzione drenante, come delle ramaglie, si può evitare il ristagno dell’acqua.

Perché è importante areare il terreno

Perché il processo di decomposizione avvenga nel migliore dei modi, è importante areare il cumulo. Il passaggio d’aria si può ottenere miscelando all’insieme dei rifiuti da compostare alcuni frammenti di legno (che poi verranno setacciati) o inserendo dei pali infissi verticalmente. Il cumulo, di tanto in tanto, va rimescolato con un forcone, sia per favorire il passaggio dell’aria che per controllarne il grado di umidità e maturazione. Quando la decomposizione è a buon punto, si può passare alla setacciatura. Il materiale più fine che passa attraverso il setaccio può essere utilizzato subito, mentre quello più grossolano può essere aggiunto nuovamente al cumulo o utilizzato per la pacciamatura.

Articoli correlati
Come conoscere e proteggere il suolo

Qualche consiglio pratico per conoscere, preparare e prendersi cura del suolo prima della semina adatto a chi coltiva le proprie piante sia in balcone che su un appezzamento di terreno.