Come si diventa volontari?

Esame di coscienza Prima di tutto chiedendosi quali sono le motivazioni che ci spingono, verificando che non si tratti solo di solitudine o noia, ma di sincero desiderio di offrire sostegno e aiuto a chi ne ha bisogno. E questo non “dall’alto”, con accondiscendenza, ma da un piano paritario, con la disponibilità a dare e

Esame di coscienza
Prima di tutto chiedendosi quali sono le motivazioni che ci
spingono, verificando che non si tratti solo di solitudine o noia,
ma di sincero desiderio di offrire sostegno e aiuto a chi ne ha
bisogno. E questo non “dall’alto”, con accondiscendenza, ma da un
piano paritario, con la disponibilità a dare e con la
capacità di riconoscere che in realtà si riceve,
molto.
Molte associazioni offrono un corso di preparazione ai futuri
volontari, per imparare a valorizzare “l’essere” rispetto al
“fare”.

Esame delle esigenze presenti nel
territorio

Per conoscere le realtà già operanti è
possibile contattare il proprio comune di residenza, che dovrebbe
avere una lista delle associazioni presenti, oppure le parrocchie
di riferimento, gli ospedali, le case di riposo, le farmacie o i
medici di base. Le realtà in cui opera il volontariato sono
varie e diverse tra loro – sono più di 26.000 le
associazioni di riferimento in Italia – ognuno può trovare
il campo in cui crede di potersi sentire a suo agio e dare,
così, il meglio di sé.

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.