Confrontarsi con la depressione

Riconoscere di avere un disturbo depressivo

Quando sforzarsi di reagire non funziona più, ma anzi
diviene un ulteriore tormento, è meglio prendere atto che
qualcosa non va e cercare di rispettare le proprie
difficoltà emotive come segnali, forse ancora poco
comprensibili.

Parlarne con uno psicoterapeuta è una scelta che può
sembrare impegnativa: è costoso, è difficile, farcela
da soli sarebbe più bello. Al contrario sul mercato ci sono
dei nuovi farmaci
antidepressivi che si possono avere gratuitamente, e di sicuro
agiscono sul sintomo in modo più rapido. Molto
pubblicizzati, in realtà hanno spesso degli effetti
collaterali piuttosto fastidiosi, e alcuni rischi, fra cui quello
di eludere il problema.

Possono aiutare, per un periodo, ma la depressione non è
quasi mai solo organica, e le cause emozionali vanno indagate. Le
psicoterapie sono di tanti tipi, diversi per durata e metodo:
nessuna garantisce un risultato, l’essenziale è la
qualità affettiva della relazione che s’instaura fra
terapeuta e paziente, perché solo collaborando si riesce ad
ottenere dei miglioramenti.

Ciò di cui ha veramente bisogno la persona depressa è
di relazioni sane, in cui possa lasciar emergere le proprie
verità emotive, riconoscersi fragile, sentirsi accettata dai
propri simili (che “simili” siano davvero): i gruppi di auto-aiuto
sono per questo molto terapeutici, per i problemi di
dipendenza.

L’autoterapia è difficile, anche se, nei casi più
lievi, possibile; si possono usare farmaci naturali, come
l’iperico, o aumentare le endorfine con un programma mirato di
sport, provare a dipingere, a scrivere, non isolarsi, ascoltare
Mozart…
Ma è importante che ci sia un supervisore, un aggancio
esterno, relazionale e affettivo.
Per non rischiare di fare come il barone di Munchausen che cercava
di uscire da una palude tirandosi su per le trecce.

Olga Chiaia
Psicologa Psicoterapeuta

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.