Consumo etico e dignità umana

Consumo etico dalle scelte e il loro impatto, e come consumatori informati e coscienti potremmo chiederci non solo cosa contiene un prodotto e quanto costa, ma anche: da dove viene? Chi l’ha lavorato?

Consumo etico: ogni scelta ha il suo impatto, e come consumatori informati e
coscienti potremmo chiederci non solo cosa contiene un prodotto e
quanto costa, ma anche: da dove viene? Chi l’ha lavorato? In quali
condizioni sociali è stato prodotto? Quali conseguenze causa
sulle economie e sulle condizioni di vita delle popolazioni locali?
Porsi in questo atteggiamento critico è il primo passo verso
un consumo sostenibile.

Se si persevera nella domanda, si può scoprire che le
risposte ci sono e che possono essere anche molto diverse tra loro.
Possiamo scoprire un sistema di produzione, commercializzazione e
consumo di dimensioni globali che causa per le popolazioni dei
paesi più poveri, il cosiddetto Sud del mondo, una spirale
di dipendenza e di sfruttamento illimitato delle proprie risorse
naturali e umane.

Ma possiamo anche scoprire, al contrario, relazioni commerciali
rispettose della dignità dei popoli e delle persone,
produzioni attente a favorire uno sviluppo locale ecosostenibile e
scambi economici che allo stesso tempo si fanno scambi fra culture
e tradizioni.

Nel “villaggio globale” in cui per noi fortunati ogni informazione
e ogni prodotto sono potenzialmente accessibili, è sempre
più importante scegliere, selezionare, e non farsi
travolgere da un sistema inumano e alienante, per non farci
derubare di una delle prerogative più importanti dell’essere
umano: la dimensione etica della vita.

Articoli correlati
Biologico e salute, un binomio che convince

Il biologico è definitivamente uscito dalla nicchia: gli acquisti bio sono cresciuti anche nel periodo dell’emergenza coronavirus. Un riflesso del desiderio di un mondo più sostenibile, ma anche della consapevolezza di quanto il bio sia sicuro per la salute umana e dell’ambiente.