Coop e Katharine Hamnett per l’abbigliamento solidale

Un’intera linea disegnata dalla famosa stilista, da sempre impegnata nella promozione di una moda etica e rispettosa dell’ambiente. Da oggi in vendita nella grande distribuzione.

“TOGETHER IS POSSIBLE”, “LOVE”, KNOWLEDGE IS POWER”, ma anche
“GENIUS” e “SAVE THE FUTURE” per i più piccoli, sono i
messaggi lanciati nella nuova collezione primavera estate 2012 e
disegnati dalle mani di Katharine
Hamnett
, in esclusiva per Solidal
Coop
.

Una linea di
abbigliamento
tutta in cotone
biologico
e certificata Fairtrade,
proveniente dall’India, in grado di garantire alle popolazioni e ai
coltivatori locali una giusta remunerazione e all’ambiente
l’adeguata protezione.

Definita da Vogue la “Regina del Green”, la Hamnett è

una delle pioniere della moda etica
e già
alla fine degli anni ’80 inzia a fare ricerche sugli
impatti delle coltivazioni industriali di cotone
che servivano l’industria dell’abbigliamento, scoprendo abusi,
avvelenamenti e condizioni di lavoro di quasi schiavitù.

Perché un messaggio funzioni, non si può fare a meno
dell’estetica: la scelta cade allora sulle t-shirt che hanno reso
famosa la stilista in tutto il mondo, fin dalla fine degli anni
’70. “Ci siamo trovati subito in accordo, perché condividiamo
gli stessi valori – ha spiegato la Hamnett – in questo modo con
COOP, siamo riusciti a rendere equa e solidale tutta la
filiera
produttiva”.

La collezione
comprende
mini abiti, polo, shorts per donna;
pantaloni, polo, camice per uomo e t-shirt per bambini: “La
scommessa – aggiunge Domenico Brisigotti, Direttore Prodotto a
marchio COOP
– è quella di generare un cambiamento duraturo nel tempo.
Cambiamento che parte dal consumatore, un po’ più povero, ma
molto più consapevole”.


Katharine Hamnett con una delle t-shirt da lei
disegnate.

Cosa significa cotone “biologico”

Significa rivoluzionarne
la coltivazione e la lavorazione
. Niente
pesticidi e fertilizzanti chimici, rotazione colturale, lotta
integrata; tutti aspetti che comportano un crescita conoscitiva e
professionale anche del coltivatore, aiutato da ricerca e
sperimentazione. Secondo i dati Textile Exchange
(organizzazione americana impegnata nella diffusione dell’uso delle
fibre biologiche), nel solo 2009-10 sono state prodotte 241.000
tonnellate di cotone biologico, con un incremento del 15% rispetto
al periodo precedente.

Fanno riflettere le parole della Hamnett: “Siamo noi consumatori
che controlliamo il mercato. Con le nostre scelte possiamo portare
grossi aiuti agli agricoltori e coltivatori più svantaggiati”.
Insomma “STOP AND THINK” e “SAVE THE FUTURE”.

 

Articoli correlati