Consigli su come costruire ecologico

La scelta dei materiali di costruzione per le strutture e le finiture di una casa, deve rispettare i criteri di riproducibilità, del loro costo energetico, della loro biodegradabilità nel tempo.

La scelta dei materiali per costruire sia le
strutture che le finiture di una casa, oltre a rispondere ai
requisiti di benessere individuale, deve rispettare i criteri di
riproducibilità, del loro costo energetico, della loro
biodegradabilità nel tempo, e di tante altre variabili. Per
esempio legno da piante facilmente ripiantumabili e non essenze
preziose frutto di disboscamenti e che portano a enormi costi di
trasporto, oppure alternative all’alluminio, che è un
materiale ad elevato costo energetico.

L’essere umano ha la responsabilità di agire con rispetto
nei confronti della natura, che non è una sua proiezione e
non è manipolabile a piacimento. Nell’undicesimo secolo
Santa Ildegarda, monaca benedettina germanica, aveva scritto: “A
gloria del Suo nome Dio ha creato il mondo con i suoi elementi.
Egli li ha fortificati con i venti, li ha legati ed illuminati con
le stelle e li ha colmati con le altre creature. Nel mondo Egli ha
circondato l’uomo con ogni cosa, dotandolo di grande forza, in modo
che tutta la creazione gli sia di aiuto. Tutta la natura deve
servire all’uomo, così che lui possa agire con essa,
poiché l’uomo non può né vivere né
esistere senza la natura.”

Perciò possiamo dire che la casa ecologica non deve essere
solo il risultato di una serie di norme igieniche, ma deve essere
il fine di un ripensamento dell’habitat. Il fatto che nascano
piccoli quartieri decentrati si deve al rifiuto delle
concentrazioni urbane e alle nuove possibilità di controllo
del consumo di energia, dello smaltimento dei rifiuti, del
riciclaggio delle acque. I nuovi quartieri ecologici si discostano
da precedenti esperimenti alternativi degli anni settanta, elitari
e individualistici tanto che oggi si parla di “utopie concrete”
come a sottolineare la volontà di incidere, fecondandolo, il
corpo sociale.

Gigi Capriolo

Articoli correlati