Cristalli

I cristalli sono dei sali (più o meno tossici) generati da acidi dei processi digestivi, più o meno neutralizzati da basi alimentari o organiche.

I cristalli sono dei sali (più o meno tossici) generati da
acidi dei processi digestivi, più o meno neutralizzati da
basi alimentari o organiche. Queste sostanze alcaline sono
contenute nei nostri alimenti, o nei nostri organi: ossa, denti,
sangue, etc… i quali li cedono per proteggere l’organismo
(demineralizzazione), quando l’apporto alimentare è
insufficiente a neutralizzare tutti gli acidi.
Questi sali, in principio solubili, sono eliminati dai reni e dalle
ghiandole sudoripare della pelle, fino a quando si tratta di
quantità ragionevoli ed acidi previsti per l’organismo
umano. Per esempio, l’acido urico, residuato di un metabolismo
incompleto, derivato partendo da alimenti azotati (carne), si
neutralizza a livello delle ossa e delle articolazioni sotto forma
di cristalli (sali di urati di calcio): questo è il
reumatismo articolare, che, mentre si sviluppa, è chiamato
artrite. Se non viene istituita alcuna valida terapia di drenaggio
verso gli emuntori, il reumatismo acuto diviene cronico: questa
è l’artrosi. I sali, allora, trapassando le cavità
corrodono le cartilagini, demineralizzando le ossa vicine,
danneggiando i dischi, indurendo le articolazioni, atrofizzando le
membrane sierose ed i muscoli limitrofi, limitando i movimenti fino
ad interdirli.

Articoli correlati