Critico è di moda

La fiera nazionale dedicata al consumo critico, organizzata sin dal 2004 da Terre di mezzo, dedica la sezione speciale della sua settima edizione alla “Critical Fashion”.

Tanti gli eventi correlati, come ci ricorda la responsabile della

sezione speciale di quest’anno, Chiara Righi: “Si parte
venerdì 12 con il convegno di apertura, che durerà
tutta la giornata, in cui si parlerà sostanzialmente dei
limiti e delle potenzialità, ad oggi, della moda critica,
vista anche come possibile leva per la risalita dell’economia del
tessile, che in questo momento è uno dei settori che stanno
soffrendo di più la crisi.”

A seguire Dressed up – Republic Fashion, la sfilata di Isola della
Moda. Si tratta di un laboratorio presente a Milano, nel quartiere
Isola, che fa da collettore per tutta una serie di marchi
indipendenti e il cui obiettivo è quello di rendere
nuovamente la moda una cosa pubblica e fruibile per tutti.

Tante anche le case history di aziende del settore. Tra le
più interessanti c’è Okinawa, che è anche
sponsor della sezione. “E’ un marchio assolutamente italiano” ci
ricorda la Righi “ma conosciuto in tutto il mondo. Nasce facendo le
etichette dei jeans e nel tempo, con un lavoro di grandissima
ricerca, è arrivato a realizzare un nuovo materiale,
Jacroki, con gli scarti di lavorazione di carta e plastica, non
solo per etichette ma anche per borse, giacche, ed altro”.

Grazie a Okinawa, inoltre, è stato possibile portare in
Italia una mostra, Eco chic Milan, organizzata dall’associazione
Greener2Greener, che ha sede a Hong Kong, e presentata per la prima
volta al palazzo delle Nazioni Unite di Ginevra in occasione
dell’apertura dell’Anno mondiale della biodiversità, appunto
il 2010. In esposizione ci saranno 18 capi creati da stilisti e
designer di tutto il mondo.

E questi sono solo alcuni degli eventi previsti per i tre giorni di
fiera. Oltre al focus sulla moda critica, naturalmente, a Fa’ la
cosa giusta! si parla come sempre di progetti, idee e soluzioni per
mangiare, consumare e viaggiare in modo sostenibile e responsabile,
con più di 600 espositori e oltre 50.000 visitatori
attesi.

Tra i prodotti in esposizione, anche gli
ecojeans di
LifeGate
, che si potranno acquistare allo
stand.

 

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La prossima fashion week di Milano sarà virtuale

Un po’ ce lo aspettavamo, un po’ non sarebbe potuto essere altrimenti. Dal 14 al 17 luglio 2020 si terrà la prima fashion week interamente digitale. Lo ha annunciato la Camera nazionale della moda italiana, che sostiene il settore in difficoltà con la Milano digital fashion week – July issue. Nel mondo virtuale verranno presentate

Le scarpe Nemanti. Il nuovo senso della sensualità, lo stile della pelle di mela

Unisci la sapienza dei maestri artigiani delle Marche e di Parabiago all’innovazione dei materiali sostenibili. Unisci la nobile dolcezza dell’ispirazione etica alla tenacia dell’imprenditrice Paola Caracciolo. Unisci la prorompente valanga vegan al diffuso bisogno di scarpe belle, eleganti e prestigiose. Questa è la formula di Nemanti. Nemanti è la nuovissima denominazione di una casa produttrice italiana,

Rinascita, rispetto, ricchezza. Le 3 R degli stilisti della moda etica

Attrito. Contraddizione. Sfasamento. Moda etica a questo fa pensare, a un insanabile contrasto. Come la moda è frivolezza, eccesso e vanità, così l’etica è gravità, misura, responsabilità. Quali due termini sembrano più in antitesi? La sintesi invece la sta cercando Ethical Code di Stefania Depeppe, progetto tutto ispirato al motto #ingoodwetrust che promuove la riconciliazione tra

I designer africani si riappropriano della moda del loro continente

Oggi il continente africano sta assumendo un ruolo sempre più centrale a livello mondiale nell’industria della moda. I mercati globali non lo considerano più un punto di arrivo della merce ma una fonte di ispirazione. Colori di tendenza Che sia per i colori brillanti, le fantasie o le stampe, c’è un crescente interesse per la