Da Goteborg a Genova: i rischi dell’esasperazione della protesta

Una parte del movimento ambientalista, e in particolare la Federazione Internazionale degli Amici della Terra, invita a non perdere di vista l’obiettivo fondamentale: una trattativa internazionale come unico strumento per raggiungere lo strumento sostenibile.

“Ero a Göteborg per il congresso europeo della mia
associazione e posso testimoniare di alcune cose che ho visto,
partecipando alla prima manifestazione, quella del 14 giugno contro
Bush, che veniva ad incontrarsi con i Ministri UE sulla questione
del clima.
A questa manifestazione prendevano parte gruppi di ogni tipo,
bastava che fossero contro gli USA In conseguenza, sia in corteo
che nei comizi conclusivi, la questione del clima è stata
completamente oscurata. Ma c’era dell’altro: gran parte dei
partecipanti erano anche contro l’Unione europea, di cui
contestavano legittimità e democraticità. Questo,
come è stato anche fatto notare da “Le Monde”, portava ad un
vero paradosso. Da una parte si chiedeva all’Europa di mostrare
fermezza e leadership sulla questione del clima e allo stesso tempo
se ne minava la credibilità rispetto agli Stati Uniti.
L’intolleranza e l’aggressività di una parte dei
manifestanti del primo giorno, che hanno anche bruciato bandiere
americane, faceva presagire i gravissimi incidenti del giorno
dopo.

E ora veniamo a Genova. Quello che viene contestato da gran parte
del fronte antiglobalizzazione è la legittimità del
G8, come del resto avviene per qualsiasi foro internazionale,
eccezion fatta per le Nazioni Unite. E’ questo soprattutto
ciò che ha convinto gli Amici della Terra a prendere le
distanze dagli organizzatori della manifestazione. Il punto era,
infatti, influenzarne le decisioni e non cercare di impedirlo. E
questo è il punto su cui bisogna riflettere. Non occorre
solo rifiutare la violenza, ma anche fare chiarezza sull’oggetto di
una manifestazione. Perché è questo e non solo la
propria dichiarata non violenza che terrà lontani gli
spaccavetrine. Obiettivi indistinti, ideologici, intolleranti
portano con se la propria logica e sembrano indicare che la
violenza sia il mezzo migliore per raggiungerli.

Gli Amici della Terra ritengono che i governi democratici e i loro
rappresentanti siano perfettamente titolati a riunirsi e decidere,
nelle Nazioni Unite come in Europa o nel G8. Alle associazioni
spetta di vigilare, interloquire, proporre riforme, anche radicali
e protestare per le decisioni sbagliate.

Per paura di scontri di piazza, la Banca Mondiale e il Fondo
Monetario hanno appena rinunciato a tenere il forum sulla
povertà, previsto a Barcellona, e hanno annunciato che si
consulteranno per e-mail. Complimenti: le decisioni verranno prese
comunque, in segreto, senza poterle influenzare e saranno i poveri
del mondo a pagarne il prezzo.

Per quanto riguarda il WTO, la prossima riunione ministeriale si
terrà nel blindato e antidemocratico Qatar. Se, come a
Seattle, la riunione dovesse fallire, non sarà quindi dovuto
alle proteste, ma alle contraddizioni stesse del WTO e al lavoro di
informazione che intanto è stato portato avanti dagli Amici
della Terra e da altri, il che ha aiutato a rendere molti governi
dubbiosi sulle regole che l’Organizzazione del Commercio Mondiale
si e’ data e cerca di imporre al mondo.”

Laura Radiconcini
Vice Presidente degli Amici della Terra Europei

Articoli correlati
Conto termico: stanziati gli incentivi

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che stanzia i circa 900 milioni di euro l’anno per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici esistenti, attraverso un sistema di incentivi…

Il fotovoltaico diventa solidale

Conergy, azienda tedesca con sede anche nel nostro Paese, ha realizzato un nuovo impianto fotovoltaico per la Yaowawit School and Lodge, la casa di accoglienza e di formazione gestita dall’organizzazione…

La Bp pagher

La Bp ha ammesso le sue colpe e ha deciso di mettere la parola fine ai negoziati con i delegati dell’amministrazione Obama. La società britannica si è dichiarata colpevole dell’intero…

Il sole in Val di Non produce elettricit

Un impianto da 511,20 kWp di potenza in grado di produrre più di 500 MW all’anno, arrivando a coprire più del 34% del fabbisogno energetico dello stabilimento di produzione della…