Dai coralli un nuovo allarme sul clima

Il Nord dell?Australia sar

Secondo uno studio fatto sulle parti interne, sul cuore dei
coralli, le inondazioni e le
tempeste nel Nord dell’Australia – come quella che
si è abbattuta nella regione del Queensland poche settimane
fa – saranno
sempre più frequenti
.

Ad affermarlo è uno studio condotto dalla ricercatrice
Janice Lough per conto dell’Istituto Australiano di Scienze
Marine
e pubblicato sulla rivista americana Paleoceanography.
Come fossero le pagine di un libro, i coralli – analizzati sotto
una particolare luce a raggi infrarossi – sarebbero in grado di
fornire ai ricercatori informazioni dettagliate sugli eventi
climatici insoliti che si sono verificati nel corso dei
secoli.

In particolare, lo studio ha rivelato che gli eventi
di particolare intensità e violenza
sono diventati
più frequenti solo negli ultimi decenni su un periodo
analizzato di tre secoli.

Secondo Lough, i dati forniti dai coralli aggiungono un
tassello importante per la composizione di un quadro completo
relativo ai mutamenti del clima: “I coralli sono come libri di
storia naturale […] e ci suggeriscono come le cause del
riscaldamento globale siano già in atto”.

Articoli correlati