Dal mainframe nascono alberi

IBM, confermando la collaborazione con LifeGate e con la Onlus GEV di Modena, legata al Corpo Forestale dello Stato, sceglie il Giardino Botanico La Pica in provincia di Modena per piantare nuovi alberi.

Oltre ai rappresentanti della GEV e di LifeGate, erano presenti
anche gli alunni della Scuola Elementare P. Giannone di Camposanto
e della Scuola Elementare don Andreoli di Possidonio, funzionari
del Comune di San Felice sul Panaro e della Fondazione Cassa di
Risparmio di Mirandola.

Situato tra San Felice sul Panaro e Mirandola, e sviluppato
grazie anche al supporto di docenti dell’Università di
Modena e Reggio Emilia, il Giardino Botanico La Pica è il
frutto del lavoro e del grande impegno di un gruppo di volontari ed
è aperto a tutti coloro nutrono rispetto, dovere e amore
verso la natura e l’ambiente.

Grazie al successo del mainframe IBM System z10 che, con i suoi
bassi consumi di energia per l’alimentazione ed il raffreddamento,
riduce il fabbisogno energetico complessivo dei data center, IBM
conferma il suo impegno per ridurre le emissioni di CO2, grazie al
progetto Impatto Zero.

Fin dall’inizio degli anni Settanta IBM è impegnata nella
progettazione e produzione di hardware e software che aiutino
aziende e organizzazioni, pubbliche e private, a raggiungere i loro
obiettivi di business nel massimo rispetto dell’ambiente.

“L’iniziativa Smarter Planet, lanciata da IBM nel 2008 – dichiara
Marco Utili, Mainframe Platform Manager della IBM Italia – vede tra
i suoi temi fondamentali la Dynamic Infrastructure e la Green &
Beyond, che hanno l’obiettivo di assicurare una crescita dinamica e
flessibile delle infrastrutture informatiche e la loro
compatibilità con uno sviluppo ambientale sostenibile.
All’interno della Dynamic Infrastructure, IBM System z10 gioca un
ruolo fondamentale grazie alla sua tecnologia e all’innovazione che
lo contraddistingue da sempre.”

Redazione Innovazione

Articoli correlati