Dalla Transilvania con dolcezza

Frutti selvatici raccolti a mano e trasformati in confetture artigianali, in un luogo dove vita frenetica e cibi industriali non sono ancora arrivati.  E che ora un Presidio tutela.

Case basse, tinte di blu, azzurro, viola, verde, sono disposte
in due file parallele lungo un?ampia strada sterrata. Dietro la
porta di ingresso, un?aia acciottolata e, in fondo, il pollaio. E?
la struttura tipica dei ?siebenburgen?, i sette borghi della
Transilvania, fondati e abitati per otto secoli dai Sassoni. Oggi
questo territorio è una sorta di paradiso perduto, un pezzo
di Medioevo arrivato sino a noi, abitato da rumeni, sassoni,
ungheresi e rom. Nei villaggi i telefoni cellulari non funzionano e
non ci sono auto: solo carri trainati da cavalli, bambini, vecchi,
cani, gatti, branchi di oche. E silenzio. E? qui che si producono
artigianalmente ottime confetture, fatte con la frutta dell?orto o
con le bacche selvatiche raccolte nei dintorni. Le confetture
più interessanti sono quelle di rabarbaro, rosa canina,
mirabelle, visciole, fragole di bosco, mirtilli e di mele e
cannella. Le donne preparano questa straordinaria varietà di
confetture per la famiglia, diversificando le ricette ogni mese per
usare tutto quanto offre il frutteto di casa, senza sprecare a. Le
ricette sono semplici e si basano su frutta, zucchero, in alcuni
casi una piccola aggiunta di pectina naturale, ottenuta dalle mele
acerbe, e cotture a fuoco lento non troppo prolungate, per
preservare il sapore e il profumo della frutta fresca.

Il Presidio Slow Food
Dà una nuova fonte di reddito alla realtà locale, che
vive di agricoltura e di allevamento. Il progetto è nato
grazie alla collaborazione di Slow Food con la Fondazione ADEPT,
che opera in Romania da diversi anni e che ha aperto recentemente
un punto informazioni presso uno dei villaggi. Nei primi mesi del
2006, ADEPT ha organizzato un corso sull?igiene per una ventina di
donne. Ora, un gruppo di queste ha iniziato a lavorare per produrre
le confetture del Presidio. Le produttrici migliori e le tipologie
di confettura sono state selezionate grazie ad una serie di
degustazioni realizzate da esperti Slow Food nel 2005 e nel
2006.
Referente del Presidio: Cristi Gherghiceanu – [email protected]

A cura della
Fondazione Slow Food
per la Biodiversità Onlus

Articoli correlati