Datevi da fare! Parola di Franca Rame

Franca Rame e Dario Fo hanno costituito un comitato per la salute pubblica minacciata dall’inquinamento dell’aria. Qui l’appassionata presa di posizione di Franca Rame.

Come procederà il vostro comitato per la salute
pubblica?
Abbiamo avuto moltissime e significative
adesioni, come il comitato delle mamme
antismog
, l’Atm, un comitato scientifico,
Camminamilano, Sergio Cusani e così via. Sono anni che ci
muoviamo a Milano! Nel 2001 volevamo fare un referendum e abbiamo
raccolto oltre 300’000 firme. Richiedevamo diverse cose per
cambiare la vita, tipo l’obbligo di caldaie non inquinanti, spazi
per i posteggi, un propellente diverso. Poi il sindaco di Milano,
davanti a tutte queste firme, ha avuto la bella idea di boicottare
il referendum, dandoci una data impossibile, l’ultimo sabato del
mese di giugno, a scuole chiuse e con molti genitori fuori
città. In previsione di un sicuro fallimento abbiamo poi
rinunciato. Ma adesso abbiamo ripreso in mano la faccenda. Se ci
fosse informazione, i cittadini stessi si occuperebbero della loro
salute. Per esempio se hai la macchina nuova a gasolio puoi usare,
senza complicazioni alcune, il biodiesel che è olio di
colza
. Se la macchina è vecchia c’è una
miscela gasolio-biodiesel. A Reggio Emilia il comune dà a
noleggio macchine
elettriche
: questo vuol dire che il sindaco si occupa
della salute dei cittadini. I nostri dirigenti sono poco
intelligenti e poco politici perchè se gli autobus di Milano
girassero con la scritta “Io non inquino, uso biodiesel” firmato
“sindaco di Milano” andrebbe tutto a loro vantaggio.

Cosa deciderete stasera?

Intanto parleremo con le istituzioni, poi cominceremo a muoverci.
In America il tamtam delle donne è riuscito a diminuire il
prezzo del pane in 3 giorni! Unendo tutte le forze si può
fare molto. Sappiamo tutti che le targhe alterne il giovedì
e il blocco del traffico la domenica non portano a niente. Ci hanno
propinato per anni menzogne con le centraline. Adesso i Moratti
hanno comprato una di loro proprietà, stanno girando e
vengono fuori dati precisi. Ci sono troppe bugie in giro. Adesso
inventeremo forme di visibilità per chiedere i nostri
diritti. Il sindaco è responsabile della salute pubblica dei
cittadini. Che cosa risponde ai bambini di Milano che a tre o
quattro anni devono andare alle terme a fare le insufflazioni, che
soffrono di bronchite cronica? Ci sono possibilità di
denuncia! Un’idea che mi piace è incollare sui bus di Milano
“Io inquino” firmato “sindaco Albertini” o “Formigoni”. Dovrebbero
uscire tante idee, perchè siamo alcune migliaia. Io dico:
informatevi, muovetevi, la salute è vostra, i polmoni sono
vostri, dei vostri figli, zii, mariti!

“Informatevi, mobilitatevi” è l’appello rivolto
ai cittadini?
Si, e andate sul forum, ci
saranno sempre più informazioni, anche su delle città
che sono avanti. Come il caso di Mendrisio, dove l’amministrazione
ha installato delle colonnine per far ricaricare le macchine
elettriche. I proprietari di queste macchine hanno inoltre delle
agevolazioni fiscali! Perché a Milano non l’hanno fatto? Non
c’è la volontà, non c’è altra risposta! Vi
prego tutti: datevi da fare!

Claudio Vigolo
Rita Imwinkelried

Articoli correlati
Comitato di genitori contro lo smog

Una decina di donne milanesi, tutte mamme e alcune con competenze nei settori ambiente e urbanistica, hanno fondato il gruppo “Mamme antismog” per spronare gli amministratori e sensibilizzare i cittadini.