David Lynch torna alla musica con The Big Dream

Il prossimo 15 luglio esce il nuovo LP firmato David Lynch. Dopo il discreto successo del 2011 del primo album Crazy Clown Town, il regista dell’onirico torna sulle scene musicali con The Big Dream.

Nel 2011 è uscito il primo album di David Lynch. Regista, fotografo, musicista, artista a tutto tondo, David Lynch ci ha preso gusto e, ultimamente, sembra dedicarsi più alla sua grande passione musicale che a qualsiasi altra forma d’arte.

E infatti, il 15 luglio prossimo arriverà nei negozi (negli States uscirà il 16 luglio) The big dream, secondo album di David Lynch, già lanciato da un brevissimo promo di sei secondi postato su Vine direttamente sul profilo personale del maestro.

L’album conterrà undici tracce originali più una cover del brano di Bob Dylan The ballad of Hollis Brown, rivisitato nell’inconfondibile stile di Lynch e ispirata di più dalla versione di Nina Simone, nonché il pezzo I’m waiting here (ufficialmente una bonus track, che però costituisce il primo singolo estratto dall’album), nato dalla collaborazione con Lykke Li. David Lynch, a proposito della partecipazione della cantautrice al progetto, ha affermato: “Ha portato nel brano il suo personalissimo stile, che è una specie di doo wop in divenire ma, allo stesso tempo, così attuale e lontano dagli anni ’50”.

Il maestro ha anche rivelato di essere stato molto più sicuro di sé durante la lavorazione di questo nuovo disco, che è artisticamente un passo avanti rispetto al precedente. Inoltre, secondo Lynch, “la maggior parte delle canzoni iniziano
come un’improvvisazione blues e per andare poi verso una strada più insolita. Quella che ne è risultata è stata una forma ibrida, modernizzata di blues molto rustico e basico”.

I’m waiting here è già disponibile all’ascolto per tutti gli utenti di Spotify mentre, nell’attesa dell’uscita del disco, godetevi l’anteprima di 90 secondi di ogni traccia dell’album su iTunes.

Articoli correlati
Bob Dylan Live 1964

Imperdibili tutti i 17 brani del nuovo album live di Bob Dylan, in particolare i tre pezzi cantati con Joan Baez, allora sua compagna di vita.